AGROPOLI SPORT

AGROPOLI, QUESTO BASKET PORTATELO A GIOCARE A SANT’ANTUONO

Purtroppo si sta giocando con il fuoco, si sta scherzando con il nome di Agropoli e si approfitta della bontà di una piazza. Comincia il campionato del basket Agropoli in serie D e la rosa dei delfini è composta da tutti rispettabili elementi che da tempo hanno pagato per giocare nel settore giovanile ed ora si ritrovano in prima squadra per disputare la Serie D dopo i fallimenti che hanno portato la squadra dalla Serie A2 alla quasi definitiva scomparsa.Ma era meglio scomparire, azzerare i debiti, farsi da parte e ripartire con gente nuova, gente che non ha interessi e che non ha fatto mancare una delusione così grande come quella di questo tracollo vergognoso.Questi ragazzi che scenderanno in campo, si comincia a Forio d’Ischia, prenderanno tantissimi punti di distacco ogni partita e butteranno il nome di Agropoli impasto alle cronache negative dello sport.Per correttezza e coerenza andassero a fare il campionato a Sant’Antuono dove di fatto hanno distrutto il basket agropolese e gli cambiassero anche il nome.Non possono permettersi di gettare alle ortiche il nome di una città solo per la presenza in Serie D e per non fare l’azzeramento societario e ripartire senza debiti.La vergogna più assoluta è che non possono tesserare cestisti perché la federazione glie lo impone.Mettano fine a questa vergogna, vadano via! Si chiamassero Sant’Antuono.Lo diciamo per l’ennesima volta, con il nome di Agropoli non si scherza.Gli ultras sono sul piede di guerra, non si esclude una contestazione nelle prossime settimane. Sergio Vessicchio

sergio
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.