AGROPOLI ATTUALITA'

AGROPOLI “CAOS LIDO OASI SENTENZE RIBALTATE”, OPPOSIZIONI ALL’ATTACCO.FORZA ITALIA PRONTA A FARE UN’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE,ARRIVA LA STAMPA NAZIONALE

Ora sono le opposizioni a prendere posizione sull’atteggiamento dell’amministrazione o per meglio dire dei tecnici comunali sul caso sentenze ribaltate al comune.I 5 stelle sono sul piede di guerra,si è svegliato Caccamo sollecitato da molti dei suoi grillini ma anche l’altra faccia del movimento quella facente capo a Roberta Oricchio ha espresso indignazione per l’azione portata avanti dagli uffici comunali.La Oricchio ormai stella nascente del movimento 5 stelle ad Agropoli  vuole vederci chiaro sulle sentenze del consiglio di Stato e le autorizzazioni che stanno dando dagli uffici preposti.Sia Caccamo che la Oricchio dai loro punti di vista hanno chiesto l’incartamento.Ad alzare la voce è anche Forza Italia.Il segretario Cittadino Emilio Malandrino ha già preannunciato ai parlamentari di riferimento Ferraioli e Casciello di tenersi in preallarme per un’interrogazione parlamentare.Al momento non si registrano azioni della Lega di Basile ma sicuramente il leader dei salviniani locali si starà studiando il problema.Intanto i carabinieri dopo aver acquisito gli atti hanno portato tutto alla Procura della repubblica. Il sostituto procuratore sta cercando di capire cosa sia realmente successo e se le sentenze ormai giudicate da tutti in un modo siano state realmente capovolte dagli uffici dove ritengono siano interpretabili.Ma il fuoco cova sotto la cenere.L’interpretazione non sempre salva “il culo” a chi emette poi dei permessi dicono dalle opposizioni..C’è in ogni caso e in maniera evidente un problema politico e sembra che alcuni consiglieri di maggioranza siano pronti a prendere le distanze e a passare all’opposizione non solo per il caso sentenze Lido oasi. Sul caso Lido Oasi comune intanto sta per lanciarsi la stampa nazionale.Il Fatto Quotidiano ha già inviato un suo giornalista,Libero e il Giornale sono sul piede di guerra e addirittura c’è un consigliere regionale che sarebbe pronto a fare anche un interrogazione al consiglio regionale.Ha chiesto l’incartamento anche la Zanzara.Un caso nazionale.Avendo tutti letto le sentenze e avendo tutti riscontrato delle chiare prese di posizioni del Consiglio di Stato,il quale in maniera netta ed inequivocabile ha disposto quanto ha scritto, si tenta di capire del perchè poi all’atto pratico non si tiene conto delle sentenze stesse.Questo al di sopra di ogni interesse.Ora non si tratta di prendere questa o quella posizione.Si valutano le sentenze.Gli uffici preposti danno una loro interpretazioni ,a detta di tutti,contrarie alle sentenze.E su questo ora comincia un’altra battaglia legale.Intanto Sica fa sapere che la spiaggia demaniale non la da a nessuno dei due contendenti ne Lido Oasi ne Lido Azzurro.Anche questa è una contraddizione. Legittima la posizione di Agostino Sica ma se autorizza il Lido Oasi ad aprire in barba alle sentenze  per coerenza dovrebbe dargli anche la spiaggia demaniale  come ha fatto ogni anno e per gli stessi motivi perchè .E per quale motivo quest’anno è orientato a non dagliela?E qui casca l’asino!Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.