AGROPOLI ATTUALITA'

AGROPOLI, DENUNCIA ESPOSTO ALLA PROCURA PER GLI SCHIAMAZZI NEL RIONE LA FORNACE

Vi proponiamo l’esposto mandato alla  Procura della Repubblica di Vallo della Lucania da parte dei cittadini del rione LA FORNACE

Alla Polizia Locale di Agropoli

Servizio Polizia Locale

 

Al Comandante della Compagnia Carabinieri di Agropoli

Via F. Angrisani n. 6

 

e per conoscenza

al Sindaco del Comune di Agropoli

Alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania

 

OGGETTO: ESPOSTO PER MOLESTIA E DISTURBO DELLA QUIETE PPUBBLICA – QUARTIERE FORNACE

 

Con il presente esposto, i sottoscritti cittadini del Comune di Agropoli, nella specie condomini ed inquilini del quartiere Fornace-Stazione, vogliono denunciare formalmente alle Autorità in indirizzo il disagio dagli stessi subito a causa delle ripetute ed intollerabili immissioni sonore che da tempo, oramai, soprattutto nel periodo estivo, violano il diritto al riposo e alla quiete pubblica.

Il predetto quartiere, infatti, soprattutto con l’apertura della Villa Comunale, è stato qualificato dall’Amministrazione comunale idoneo per lo svolgimento di pubblici spettacoli, manifestazioni temporanee e attività private di somministrazione che, purtroppo, vengono esplicate costantemente in senso contrario alle norme vigenti.

Nel merito si denunciano:

  • le quotidiane immissioni emesse dagli impianti sonori – microfoni – del “Luna Park” collocato tra via Taverne e via Campamento;
  • le violente immissioni sonore emesse dalla strumentazione audio dell’Anfiteatro del Parco Pubblico collocato, appunto, negli spazi della Villa Comunale;
  • le immissioni sonore provenienti dai locali della Croce Rossa Italiana nelle serate di ballo organizzate dal Centro Sociale Polivalente per gli Anziani;

 

Le predette attività avvengono tutte, come anticipato, in spregio alle più basilari norme del vivere civile e nell’oggettiva e grave omissione, da parte degli Enti preposti, di un più efficace controllo delle violazioni in materia di disturbo alla pubblica quiete.

In materia, proprio l’articolo 25, I comma del regolamento di Polizia urbana del Comune Agropoli, non modificato dal Regolamento n.031 del 24.04.2013, cosi dispone:

sono vietati gli abusi di ogni strumento sonoro che per la loro insistenza e tonalità arrechino disturbo al riposo o al lavoro dei cittadini”.

Dello stesso tenore l’articolo 26 del predetto regolamento:

“Cinema, ritrovi, sale da ballo, devono essere attivati in modo tale che i suoni non possano essere percepiti dall’esterno.

Qualora fossero gestiti all’aperto devono essere preventivamente autorizzati oltre che dalla Pubblica Sicurezza, anche dal Sindaco, il quale può concedere la loro apertura solo quando non rechino disturbo al vicinato subordinandola a determinate condizioni”.

La ratio delle disposizioni è pacifica, la liceità dell’intrattenimento è sancita dal rispetto della quiete pubblica.

Sul punto, allora, gli esponenti si chiedono e denunciano:

dove si colloca il suddetto bilanciamento quando dalle 23.00 alle 24.00 di ogni serata estiva puoi sapere in diretta dal tuo letto se gli utenti della giostra vogliono un “altro giro, altra corsa??

E’ tollerabile non riuscire a sentire la propria televisione in casa perché le immissioni dello spettacolo dell’Anfiteatro superano a dismisura il massimo del volume?!

Tali condotte, inevitabilmente, alterano le normali occupazioni dei denuncianti, la tranquillità e il loro sereno riposo.

Gli esponenti, si faccia attenzione, nel rispetto della organizzazione turistica del paese di Agropoli, non chiedono l’abolizione degli eventi ma insistono e pretendono affinché gli stessi si svolgano nel rispetto delle normative vigenti che tutelano il diritto alla quiete pubblica.

Per questi motivi si chiede formalmente ai responsabili delle Autorità in indirizzo di provvedere, ognuno per la propria competenza e per il proprio ufficio, al doveroso accertamento ed alla conseguente repressione di ogni fatto antigiuridico si dovesse rilevare.

 

 

Con ossequio i sottoscritti esponenti:

seguono firme cittadini

 

 

 

 

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.