AGROPOLI

AGROPOLI DOMENICA BESTIALE POKER NELLO SPORT,VINCONO TUTTE LE SQUADRE CITTADINE

GIULIO RUSSO 1Ciro RuggieroUna giornata storica da incorniciare.Ieri una domenica forse irripetibile ma sicuramente di grande importanza per lo sport nella capitale del Cilento.A dire il vero si comincia sabato con la Real Agropoli in grado di travolgere il Santa Maria con uno roboante 4-1.Replica l’Agropoli che a Roccella guidata da uno strepitoso Capozzoli straripa 0-3 nella prima di Rigoli e poi in serie B di Basket Agropoli guidata da Roberto Marulli da 30 punti di distacco al Mola di Bari e in serie C il Cilento va a vincere a Napoli cerruti camiciacontro la Partenope. Un  poker calato in un momento di grande difficoltà soprattutto per il calcio,un poker straordinario che pone la città all’avanguardia e mette seriamente in pratica gli sforzi di un amministrazione comunale che ha dato la possibilità a tutti d fare sport per le strutture che ha messo a disposizione.Ma ad essere ringraziati sono tutti i presidenti e dirigenti delle squadre cittadine.Domenico Cerruti,Giulio Russo,Ciro Ruggiero e Franco Di Biasi rispettivamente presidenti di Us Agropoli,Basket Agropoli,Cilento Basket e Real Agropoli con loro i componenti delle società stanno facendo vivere una stagione esaltante al di la di come poi andranno le cose.I loro sforzi sono notevoli  testimoniano la crescita sportiva e culturale della città centrale del Cilento.Grazie al loro impegno oggi c’è una grande occasione quella di mantenere elevato il senso dello sport in una città dove le squadre istituzionali mai hanno dovuto dichiarare fallimento e nonostante momenti di grande buio sono stati capaci di risalire la china ponendosi come squadre invidiate e con prospettive di prestigio.Il segreto è difficile scoprirlo,la coperta è corta e i  fondi non sono molti per cui queste 4 squadre stanno lanciando un messaggio chiaro e inequivocabile,la volontà e la passione. Il seguito però è poco,a parte la squadra di serie B di basket poi purtroppo la gente non segue o forse è anche distribuita  ma queste 4 compagini avrebbero franco di biasibisogno di più del calore della gente,il supporto umano e sociale per quanto riescono a fornire.La piaga rimane il settore giovanile nel calcio più che nel basket.Purtroppo ci sono società che intascano soldi senza insegnare niente ai ragazzi, negli ultimi venti anni sono passati migliaia di giovani per introiti milionari nelle cosiddette scuole calcio ma di calciatori veri non ce ne sono,c’è solo Pippa nel professionismo e poi il vuoto. Tempo perso,approssimazione e disorganizzazione con il vero monumento del calcio giovanile Antonio Inverso Caciotta inesorabilmente messo all’angolo lui che per un ventennio(tra gli anni settanta e gli anni novanta) aveva assicurato un campo di calcio senza pagare a più generazioni di giovani  quando non c’erano le strutture consentendo a ragazzi di tutti i ceti sociali di poter giocare al calcio. A Cerruti,Magna,Di Biasi più che a Giulio Russo e a Ciro Ruggiero diciamo questo,riportiamo i nostri ragazzi al calcio,ridiamo il campo di calcio a chi non può pagare,liberiamo l’estro nascosto di tanti ragazzini di Agropoli che non hanno la possibilità di avvicinarsi ai campi di calcio.Ridiamo Antonio Inverso Caciotta e magari anche Nicola Volpe inadeguato per la prima squadra ma grandissimo istruttore e allenatore di calcio giovanile,ai nostri giovani.Sarebbe un investimento gratificante sul piano umano,sociale e sportivo e non ci sarebbe vittoria migliore.Sergio Vessicchio

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.