AGROPOLI

AGROPOLI E LE BALDRACCHE INTELLETTUALI

facebook

Il loro fallimento oltre che intellettuale e anche di natura esistenziale.Non ci sono  solo i falliti di portafogli ma in special modo esistono falliti di natura psicologica arrabbiati con tutto il mondo. Sono per lo più sposati,incapsulati nella loro natura di chiusura mentale. Ad Agropoli di queste persone ve ne sono tante ed escono fuori in momenti che per la città dovrebbero essere felici. Erano nascosti dietro le tastiere forse dietro la loro cattveria e sono esplosi con la vittoria di Federica Lepanto.Sono quasi  tutte donne e hanno una rabbia in corpo da devastare un leone tanto sono invidiose represse e piene di odio.Alcune di esse usano profili falsi su facebook,altre che quotidianamente se la prendono con il sindaco,altre che sono sotto la scure dei mariti. Baldracche intellettuali prive di sentimento e indegne rappresentati della specie femminile. Non pensate siano tante,sono un gruppo di sedicenti invidiose di tutto quello che accade ad Agropoli,represse e arrabbiate con il prossimo. Se avessero un fucile farebbero una carneficina. Provate a contraddirle su facebook diventano delle jene. Sono tutte brutte e quasi tutte chiatte,altre di mezza età e addirittura delle anziane pronte a colpire il prossimo.Ma le più agguerrite sono quelle che hanno il profilo falso perchè non ci mettono la faccia hanno vergogna. Lo spunto di Federica peraltro osannata dall’80 per cento dei naviganti in rete,  ha dato loro la possibilità di uscire fuori dal guscio malefico  nel quale vivono e hanno sprigionato la loro cattiveria condita di epiteti di basso profilo. Naturalmente c’è chi come il sottoscritto le ha fatte livide e inchiodate alla loro nefasta natura di pettegole invidiose che invece di pensare ai figli stanno dietro la tastiera del computer per insultare questo o quell’agropolese.Agropoli è bello troppo bello ma purtroppo deve fare i conti anche con queste persone che sono la rovina della città.Poi a guardar bene chi sono non sarebbero nemmeno all’altezza di parlare degli altri visti gli scheletri nell’armadio che si ritrovano e il loro chiacchierato modo di vivere.Naturalmente chi si nasconde dietro nikname falsi è costretto già a evitare la propria faccia per la troppa vergogna.Agropoli è grande nonostante questa gentaglia.Naturalmente chi ha la coda di paglia s’offenda pure.Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.