AGROPOLI

AGROPOLI,ALFIERI E DE LUCA FANNO IL PIENONE IN VISTA DELLE REGIONALI

wpid-20150213_185412.jpgAgropoli.De Luca vuole le primarie. Lo ha ribadito anche ad Agropoli davanti a tantissime persone arrivate nella Sala Giovanni Paolo II non tanto per ascoltare lui ma per dimostrare che Alfieri il sindaco della capitale del Cilento ormai è pronto per correre verso Palazzo Santa Lucia per far fronte al grande scippo che la sua città ha subito la chiusura dell’ospedale per mano della scellerata politica del centro destra. E in sala c’erano tanti Berlusconiani nauseati da Caldoro e dai suoi suggeritori e pronti a sostenere il sindaco Alfieri. De Luca ha ribadito che vuole le primarie e che  e che è già in ALFIERI PRIMARIEcampagna elettorale per far fronte ai suoi avversari. L’assenza sell’onorevole agropolese Sabrina Capozzolo è una chiara dimostrazione che il partito a livello nazionale non vuole De Luca. Capozzolo infatti fa parte del consiglio nazionale del partito democratico e l’indicazione del presidente candidato passa inevitabilmente dalle sue mani. L’assenza alla convetion di Agropoli fatta di venerdì proprio per favorire la presenza della deputata locale è sintomatica di quanta avversione ci sia nel partito sull’ex sindaco di Salerno. Ad aprire la serata il sindaco di Agropoli il quale si è soffermato sul ritardo per la data delle primarie e sul fatto che il partito ha di fatto perso tempo nel raggiungimento di posizioni importanti rispetto ad un centro destra senza nessuna idea ma solo impegnato a fare del clientelismo in questa fase conclusiva della legislatura che volge ormai al termine. Durissimo il sindaco contro CALDORO quando si è trattata di ricordare la triste vicenda legata all’ospedale chiuso dal centro destra e la sala,piena in ogni ordine di posto gli ha tributato un lunghissimo applauso. De Luca è stato convincente nell’esporre il suo programma per la Regione Campania anticipato dalla critica al suo partito per le primarie,De Luca ha usato molta ironia come al solito e ha parlato di una regione da sostenere turisticamente facendo interventi importantissimi. Il tema sanitario era il più atteso e quando l’ex sindaco di Salerno lo ha affrontato tutti si aspettavano che facesse riferimento all’ospedale di Agropoli e invece si è soffermato sull’eliminazione al tetto di spesa e alle difficoltà che i malati hanno quando il tetto è stato raggiunto è quasi sempre a settembre. Insomma il solito De Luca arrembante è pieno di proposte fatte partendo dall’auto celebrazione che rispetto ad altri lui ha fatto per cui ha una storia. Sullo sfondo però l’incertezza determinata,secondo De Luca,dal ritardo in cui il PD ha ricacciato il futuro candidato presidente e le aspirazioni del centro sinistra ingessato nelle primarie. Il 22 febbraio è la data dalla quale il PD secondo De Luca non deve discostarsi e l’eventuale responsabile di un altro rinvio delle primarie deve mettere la firma sotto tale provvedimento. Sergio Vessicchio

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.