AGROPOLI

AGROPOLI,ALGHE ALLA SPIAGGIA DELLA MARINA COMINCIA LA RIMOZIONE

ALGHE MARINAAGROPOLI. Giunge alle battute finali la questione relativa alla rimozione delle circa 10mila tonnellate di posidonia accantonate sulla spiaggia della marina, presso il porto di Agropoli. Il Comune ha nominato un legale che seguirà l’iter amministrativo utile per formalizzare le operazioni tese a liberare un terzo del piccolo approdo agropolese dai rifiuti e a trasportarli in un apposito sito di stoccaggio, in località Mattine. L’avvocato individuato è Antonello Scuderi che dovrà rilasciare «un parere pro veritate in ordine alla problematica».Nei giorni scorsi la giunta Alfieri ha provveduto anche all’approvazione del progetto esecutivo dei «lavori per la realizzazione di una piazzola con invaso per il deposito rifiuti», dell’importo complessivo di 130.000 euro, che accoglierà la posidonia. «Con il riconoscimento del ruolo ecologico-ambientale delle biomasse spiaggiate – si legge nel relativo provvedimento – il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio con la circolare n. 8123/2006 ha fornito le possibili modalità di azione per la gestione delle biomasse spiaggiate e tra queste vi è anche la possibilità della rimozione permanente e trasferimento in discarica. Laddove si verifichino oggettive condizioni di incompatibilità fra gli accumuli di biomassa e la frequentazione delle spiagge (fenomeni putrefattivi in corso, mescolamento dei detriti vegetali con i rifiuti), le banquette possono essere rimosse e trattate come rifiuti urbani». Con questa possibilità fornita dal ministero la rimozione della posidonia oceanica avverrà ad un costo minore; diversamente se le alghe fossero state classificate come rifiuti speciali l’operazione avrebbe avuto un costo almeno dieci volte superiore. (a.p.)