AGROPOLI

AGROPOLI,ALLA STAZIONE II NUOVI SERVIZI NON PARTONO

AGROPOLI. La stazione ferroviaria di Agropoli-Castellabate ha sicuramente cambiato aspetto, e in meglio. Circa cinque mesi fa sono terminati i lavori del grande investimento di Trenitalia per lo scalo cilentano, già tappa del Frecciarossa a partire dalla estate del 2017 e con la creazione di un punto di informazione turistica ben visibile e pronto a soddisfare le richieste di chi arriva in città.
Un restyling completo che ha portato al rifacimento dei marciapiedi senza barriere dei binari, alla realizzazione di aree di sosta esterne, illuminazione, cartellonistica, arredi di vario genere, doppio ascensore, nuovi sottopassaggi, un’ampia sala di attesa tra il bar, la biglietteria e l’edicola, un nuovo punto ristoro e i tanto attesi tornelli per limitare e controllare gli ingressi, vista l’assenza della Polfer, per garantire l’accesso ai binari solo a chi munito di biglietto. Con la fine dei lavori, si auspicava un ritorno della Polizia Ferroviaria, ulteriore garanzia per la sicurezza, ma, ad oggi, le voci sono state smentite e l’unica centrale più vicina resta quella di Battipaglia.
Tuttavia, non sono mancati i disservizi palesati dai turisti e dai pendolari. Infatti, nonostante sul sito internet della Rete Ferroviaria Italiana, responsabile dei lavori, la stazione venga presentata “con servizi di assistenza ai viaggiatori con disabilità e ridotta mobilità”, elencando tra le facilities “percorso senza barriere (un piano, con ascensore, con rampa)”, la realtà è diversa.
Imminente era stato l’annuncio, già a inizio anno, dell’attivazione dei tornelli e del doppio ascensore che, però, al momento, sono visibili ma non funzionanti per ulteriori verifiche, lavori e procedure burocratiche da sciogliere tra la Rete Ferroviaria Italiana e le ditte alle quali sono stati affidati gli appalti per le opere di ristrutturazione e manutenzione.
In stand by anche l’ambizioso progetto lanciato dalla precedente amministrazione guidata da Franco Alfieri e poi portato avanti dl sindacoa Adamo Coppola. Dieci milioni al servizio dello scalo ferroviario, per alleggerire la viabilità, soprattutto durante i mesi estivi, sul lungomare San Marco. «Siamo in attesa dei fondi regionali- hanno spiegato da Palazzo di Città- Non appena questi ultimi saranno sbloccati daremo subito via al progetto, uno dei grandi cinque interventi programmati da questa amministrazione»
Di fatto, per ora, sono stati eliminati i binari inutilizzati in attesa della realizzazione di tre ampi parcheggi, un sottopasso, un nuovo svincolo sulla Strada Statale 18 e varie aree di sosta in prossimità di via Frank Zappa e di via Selvi. Cljo Proietti

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.