AGROPOLI

AGROPOLI,CONSOLATO CACCAMO L’UNICO CANDIDATO ALLA REGIONE CHIEDE IL CAMBIAMENTO: “OGNI PREFERENZA SARA’ MOTIVO D’ORGOGLIO E SAPRO’ CAPITALIZZARLA AL MEGLIO”

CACCAMOAlla vigilia della campagna elettorale alla regione l’unico candidato di Agropoli è l’ing.Consolato Caccamo esponente locale del M5S di Beppe Grillo. Dopo la defezione di Franco Alfieri rappresenta una speranza per la comunità locale ma non solo.Spesso in contrasto proprio con Alfieri Caccamo ha conquistato la possibilità di presentarsi alla regione grazie al web dove i grillini hanno fatto le primarie per ogni candidato.Educato,rispettoso ma anche composto e disponibile Consolato Caccamo chiede il voto agli agropolesi in virtù di una consolidata personalità che lo ha aiutato a crescere anche nel movimento pentastellato.Noi lo abbiamo incontrato;

Emozionato da questa tua prima avventura quale candidato al consigli regionale.

“In fibrillazione. Essere il primo e l’unico candidato della mia città al Consiglio Regionale mi carica di responsabilità, e chiaramente mi emoziona molto. Cercherò di poter essere all’altezza e di poter dare la possibilità ai nostri concittadini di dare un segnale che Agropoli cerca da molto tempo.”

Quale il tuo personale programma per la Campania e quello del tuo movimento.

“Il mio programma si identifica con quello del M5S regionale rappresentato dalla candidata presidente Valeria Ciarambino. Personalmente, data la mia formazione e carattere, maggiore taglio alle mie attività è dato alla rappresentanza territoriale per Agropoli e il Cilento, la legalità, e pari opportunità per tutti.”

Pensi che Agropoli e il Cilento debbano avere molti suggerimenti per migliorarsi ancora.

“Si, ma per trovarli basta ascoltare i cittadini e gli operatori dei vari settori economici. Sono loro che, nei vari campi dell’agricoltura, turismo, sanità etc., hanno sempre le soluzioni più semplici e efficaci perché vivono le varie problematiche sulla propria pelle.”

L’ospedale di Agropoli è stato chiuso al di la delle responsabilità quale sono le tue proposte affinché si possa riaprire

“Riproporzionate le spese in sanità considerando la vastità dei territori e la geografia, piuttosto che la densità abitativa. Purtroppo i dirigenti sanitari nominati dalla politica regionale, per ovvie ragioni di rendiconto elettorale, hanno avuto più a cuore il numero di abitanti che le esigenze di aree disagiate. E ad Agropoli e vicino comprensorio abbiamo pagato il dazio più pesante di questa strategia politica.”

Cosa ti dice la gente per incoraggiarti

“Mi raccontano le loro storie più che altro dovute al disagio sociale che vivono e causato da mancanza di assistenza da parte delle istituzioni preposte. E affidano a me una speranza, una speranza di poter coinvolgere cittadini, media e istituzioni a concentrarsi su quella problematica e possibilmente risolverla.”

Pensi che in un prossimo futuro ci potrà essere una collaborazione con Alfieri per la crescita di Agropoli e del Cilento

“La crescita di Agropoli e del Cilento sono il mio chiodo fisso sin da ragazzo. Abbiamo risorse incredibili che altri non hanno e dobbiamo utilizzarle al meglio per uno sviluppo concreto, ma anche sostenibile del territorio. Lavoreremo con tutti i cittadini e le istituzioni che credono in questo progetto, ma rispettando due principi imprescindibili: trasparenza e onestà.”

Un messaggio all’elettorato

“Cari concittadini, è arrivato il momento di riscattarci da anni di soprusi inflitti dalla politica regionale. Agropoli e il suo vicino comprensorio del Cilento hanno per la prima volta la possibilità di farsi valere e dare così voce a chi per troppo tempo è rimasto ai margini.Per essere ancor più incisivi abbiamo bisogno della partecipazione attiva di tutti. Come diceva Paolo Borsellino, la rivoluzione si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano. Vi invito pertanto a sentire questa tornata elettorale come un appello popolare a cui rispondere con fermezza e decisione, al di là di ogni colore politico.Ogni preferenza sarà per me motivo di orgoglio perché so bene essere una scelta libera ed onesta e finalizzata a gettare assieme le fondamenta di una comunità che saprà stringersi attorno agli uomini e alle donne che la rappresentano. ” Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.