AGROPOLI

AGROPOLI,È GIÀ DEFORME IL NUOVO TRATTO DELLA CILENTANA

  
( ESCLUSIVA STILE TV).AGROPOLI. È già deforme il nuovo tratto della Cilentana realizzato nel punto al km 109+500 tra gli svincoli di Agropoli Sud e Prignano Cilento, collassato nel marzo del 2013 a seguito dell’enorme frana che causò la chiusura al traffico della SP430: sull’asfalto appena ultimato, sono visibili ad occhio nudo dislivelli ed avvallamenti tali da dare la sensazione, terribile, che il manto stradale nuovo di zecca stia già cedendo di nuovo (nelle foto). Nei guai finisce così l’impresa aggiudicataria ed esecutrice dell’appalto, la Cogepo Srl di Salerno: le opere di ripristino e messa in sicurezza, infatti, non hanno convinto il Direttore dei Lavori, l’ing. Danila D’Angelo. A seguito di apposito sopralluogo tenutosi il 17 giugno scorso, infatti, il funzionario della Provincia ha riscontrato che “la sede stradale, nel tratto di nuova realizzazione, presenta diffuse irregolarità plano altimetriche e di sagoma”. Sopralluogo che è avvenuto alla presenza congiunta del direttore operativo provinciale, l’ing. Vincenzo Catenazzo, e dell’impresa, il geom. Roberto Carpentieri. Per tale ragione, la prossima settimana, i vertici della Cogepo sono stati convocati “con mezzi, personale ed attrezzature idonee, presso il cantiere, per l’esecuzione di una campagna di prove, carotaggi in sito e misurazioni plano altimetriche”. Informato della situazione, ovviamente, anche il responsabile unico del procedimento, l’ing. Lorenzo Criscuolo.

L’appalto pubblico, bandito dalla Provincia di Salerno e cofinanziato dalla Regione Campania nell’ambito delle iniziative per l’accelerazione della spesa, ammonta a poco più 1 milione di euro: il lavori furono definitivamente aggiudicati alla Cogepo il 5 agosto del 2014, per un importo complessivo di 746.619 euro, a fronte di un ribasso del 35,975% praticato dall’impresa, di cui 516mila per l’opera, 179mila per i costi di manodopera e 51mila per oneri della sicurezza. In pratica, essendo il tratto lungo poco più di 100 metri, è costato circa 7.500 euro a metro alle casse pubbliche: ma, al momento, è già irregolare ed il transito veicolare non può essere riaperto. E nel mirino della Provincia sarebbe finita anche la sicurezza del cantiere stesso, completamente aperto ed accessibile a chiunque, senza adeguate interdizioni né segnaletica di pericolo. (ESCLUSIVA STILETV) 

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.