AGROPOLI ATTUALITA'

AGROPOLI,IL LIDO AZZURRO DIFFIDA IL COMUNE,IL FUNZIONARIO SCAPPA IN FERIE.RUMORE DI MANETTE?

Si arricchisce di nuovi e ulteriori colpi di scena la querelle tra Lido azzurro,Lido Oasi e comune di Agropoli.Il Titolare del Lido azzurro è andato in comune a presentare una diffida e aspetta con ansia i movimenti del municipio.Difatti il Lido Azzurro di Carlo Scalzone diffida il responsabile area demanio del comune e minaccia azioni legali contro l’amministrazione a tutela dei propri diritti. Scalzone chiede che gli venga rilasciata al più presto, la concessione demaniale da tempo sospesa ,ai danni dello stesso  lido azzurro, dal funzionario responsabile ing Sica concedendo, secondo il tar, illegittimamente l’area al confinante Lido Oasi, come acclarato appunto  dal Tribunale Amministrativo Regionale con la recente sentenza, che ha condannato il comune al pagamento delle spese processuali aprendo la possibilità al Lido Azzurro di Scalzone di ottenere anche un considerevole risarcimento dei danni per i torti subiti.
Perché il responsabile area demanio ing Sica il quale si ritiene nel giusto si ostina a negare con ogni mezzo un legittimo(lo dice la legge e lo raccontano le sentenze) diritto di Scalzone, mentre stranamente  si dimostra molto  disponibile con il Lido Oasi, come fa notare lo stesso Tar, il cui proprietario è una società che fa capo al   consigliere comunale Lele Di Nardò? Il dubbio e l’interrogativo pongono una serie di quesiti che mettono una strana cappa sulla situazione. Perchè Agostino Sica tergiversa e con decisioni capestro apre il fianco ai ricorsi di Scalzone la vera vittima di tutta la situazione e che sarà risarcito con i soldi degli agropolesi?  Alla fine con i risarcimenti saranno i cittadini di Agropoli a pagare.Perché le conseguenze di questi comportamenti devono ricadere nelle tasche degli agropolesi?Il Lido azzurro nella sua richiesta diffida al comune,e nelle more   della decisione del Consiglio di Stato (sulla possibilità di usare le aree destinate a standard e parcheggio dell’edificio scolastico per utilizzarle per lo stabilimento balneare Lido Oasi,)chiede al comune di stabilire i suoi diritti acquisiti attraverso le sentenze e mette fretta al municipio di decidere e di non perdere altro tempo pena un nuovo ricorso alla magistratura amministrativa e alla procura della repubblica.In virtù di questo, a sorpresa, il funzionario deputato a decidere  Cervinara si è messo in ferie,qualcuno sostiene che sono state ferie forzate,  per evitare di decidere su una questione delicatissima che potrebbe avere risvolti penali.A questo punto la decisione spetta all’altro funzionario,guarda un pò, Agostino Sica il quale,solitamente,ha più dimestichezza e disinvoltura nel prendere decisioni molte volte strane e al limite del comprensibile.Secondo i soliti bene informati con Cerminara in ferie sarà più facile per Sica , rilasciare al Lido Oasi, con un nuovo atto controverso e al limite della legalità, come già fatto in passato,tranne poi essere smentito   dalle sentenze del consiglio di Stato,l’autorizzazione.Lo scenario che si prospetta e questo e chi lo ha architettato ha già messo in conto che ci sarà una nuova,l’ennesima, denuncia, da parte di Scalzone per la quale l’amministrazione dovrà affrontare nuove spese legali e processuali, nella speranza di non soccombere nuovamente con ulteriore aggravio di danni da pagare aggiungendoli alle altre già maturate e che pesano sul capo di ogni cittadino di Agropoli.Una telenovela   che potrebbe avere risvolti penali e non ci meraviglieremmo se a seguito di denunce ed esposti su questa vicenda  non si arrivi a sentire quel tintinnio delle manette che mette paura e che rappresenta l’estrema ratio di una controversia dai mille risvolti.Su questa vicenda si registra la dichiarazione del sindaco Adamo Coppola: “Entrambe le parti sia Lido Azzurro che Lido Oasi ce l’hanno con il comune e questo vuol dire che siamo super partes e giusti arbitri della vicenda.Se Tutte e due le aziende ci attaccano vuol dire che stiamo operando bene e in maniera equidistante”ha detto il sindaco di Agropoli.Sergio Vessicchio
admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.