AGROPOLI

AGROPOLI,IL SENSO UNICO DI VIA MUOIO ARRIVA AL MINISTERO

SENSO MUOIOQUESTO IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE DELLA MINORANZA IN CONSIGLIO COMUNALE

I sottoscritti dott. Emilio Malandrino, avv. Vito Rizzo, ing. Agostino Abate, consiglieri comunali, nell’espletamento delle proprie funzioni,
PREMESSO CHE
In data 16/06/2016 hanno protocollato richieste di rivalutazione urgente per ‘avvenuto cambio di senso sulla viabilità di via Moio – AGROPOLI (SA) ;
tale provvedimento, privo a nostro avviso dei rituali passaggi istruttori, è stato definito attraverso organi di stampa e mezzi televisivi dal Vice Sindaco un provvedimento in “via sperimentale” con la presumibile durata di una settimana;
ad oggi nulla è cambiato né, tanto meno, è pervenuta alcuna risposta agli scriventi;
tale attività è obbligata ad una serie di obblighi procedurali, così come recita ( punto 4.3 ) la direttiva del MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI di seguito riportata:
Ministero dei Lavori Pubblici – Protocollo n. 6688.
DIRETTIVA sulla corretta ed uniforme applicazione delle norme del Codice della Strada in materia di segnaletica e criteri per la sua installazione e manutenzione.

Punto 4.3 Le ordinanze di disciplina della circolazione: compiutezza dell’istruttoria
Meritevoli di attenzione sono i provvedimenti per la regolazione della circolazione che devono essere resi noti attraverso i prescritti segnali stradali, di cui è cenno nell’art. 5, comma 3, del Codice. Gli Enti proprietari di strade, attraverso gli organi competenti, sono tenuti ad emanare le apposite ordinanze
previste agli articoli 6 e 7 che, ad avviso di questo Ministero, meritano da parte dei competenti uffici una maggiore cura nella loro istruttoria e formulazione. Lo scrivente, nei limiti delle competenze attribuitegli dall’articolo 37, comma 3 del Codice sui ricorsi gerarchici, ha avuto modo di esaminare i provvedimenti che dispongono la collocazione non sempre idonea della segnaletica a causa di difetti
sostanziali, con riverberi sul piano giuridico. Assai frequente è il fenomeno della carente motivazione delle ordinanze cui si associa quello della poca chiarezza degli obiettivi o delle disposizioni oggetto dei provvedimento. In tali casi questo Ministero ha dovuto disporre l’annullamento dei medesimi con conseguente disagio per l’amministrazione emittente e con inutile dispendio di risorse economiche.
Si segnala, inoltre, tra le carenze istruttorie, che i provvedimenti non sempre sono supportati dalle opportune indagini, valutazioni, stime e rilievi preventivi, necessari per sorreggere il provvedimento stesso di fronte alle eccezioni che vengono mosse in sede di ricorso. E’ evidente che tali carenze fanno presupporre una non sempre ponderata scelta delle misure di traffico adottate in ragione degli obiettivi che si intendono perseguire. ;
avverso tale provvedimento sono arrivati all’Ente ricorsi da parte del Comitato Moio, con raccolta firme di circa 1800 residenti, e da parte dell’associazione dei Consumatori;
Il provvedimento “ de quo “ , verosimilmente, rientra in questa fattispecie ( privo delle motivazioni, delle ordinanze specifiche, della rituale istruttoria ) ;
gli organi superiori e surroganti preposti in materia di controllo sulle attività di segnaletica e criteri per la sua installazione e manutenzione sono la Prefettura Competente e/o il MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI – Ispettorato Generale per la Circolazione e Sicurezza Stradale ;
Per tutto ciò premesso,
CHIEDONO
Alle SS. LL. con preghiera di risposta urgente, ognuno per la propria competenza,
Voler verificare se la procedura di tale provvedimento è legittima e/o corretta secondo le normative vigenti;
voler valutare, in ogni caso, se tale cambio del senso circolatorio è funzionale, agevole, e senza situazioni di pericolo al transito per l’incolumità degli utenti;
voler , se ne ricorressero i presupposti, disporre l’annullamento immediato di tale provvedimento ed il ripristino dello stato dei luoghi “ quo ante”
Agropoli 01/07/2016
Distinti saluti
dott. Emilio Malandrino
avv. Vito Rizzo
ing. Agostino Abate

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.