AGROPOLI

AGROPOLI,LAVORAVA NEL NEGOZIO TOM E JERRY DYLAN LA GRECA IL GIOVANE MORTO SULLA MOTO

La morte del 22enne Dylan La Greca non ha sconvolto solo un paese ma un intero territorio. Nel pomeriggio di domenica, sulla Strada Statale 161 tra Casal Velino ed Ascea, il giovane ha trovato la morte a bordo della sua motocicletta in un incidente stradale con una seconda moto sulla quale viaggiava un 26enne di Telese, in provincia di Benevento. Secondo una prima ricostruzione, i due mezzi viaggiavano nella stessa direzione e per cause ancora da accertare sono venuti a contatto. L’ipotesi più plausibile sarebbe quella di un sorpasso finito male. Gli inquirenti stanno però seguendo varie piste nell’attesa che l’altro ragazzo, attualmente ricoverato all’ospedale di Vallo della Lucania con grevi ferite, possa dare la propria versione dei fatti affinché si riesca a venire a capo di questa triste vicenda.Dylan abitava nel piccolo centro cilentano di Lustra ma era conosciuto in tutto il comprensorio. Lavorava infatti ad Agropoli in un noto negozio di prodotti per animali TOM E JERRY vicino al fiume Testene   dove aveva dato prova della sua voglia di fare, dell’attaccamento alla vita, di gentilezza e di simpatia nei confronti della clientela. Anche la famiglia era molto conosciuta in paese: mamma Maria, papà Massimo e il fratello Mario, consigliere comunale di maggioranza di Lustra, sono persone normali e rispettabilissime. Benvoluto da tutti, Dylan era amante delle motociclette e dell’ebbrezza che solo chi cavalca quel mezzo può provare, una passione che gli è stata fatale.A 24 ore dal tragico incidente la comunità lustrese e tutti gli amici del giovane ancora non riescono ad accettare il triste destino a cui il 22enne è andato incontro. Quando la notizia è arrivata in paese, in poco tempo i social sono impazziti mentre tristezza e sgomento diventavano tangibili in quelle febbrili ore per le strade e nelle piazze di Lustra e della vicina Omignano.
Su Facebook sono centinaia i messaggi di saluto e di cordoglio per la morte di Dylan «un angelo volato via troppo presto». «Mi mancherai tantissimo – scrive una giovane di Lustra – non dimenticherò mai i lunghi pomeriggi trascorsi ad ascoltare i tuoi interminabili discorsi sui motori e sulle motociclette. Non dimenticherò la gioia nei tuoi occhi quando ne parlavi».
«Ciao amico mio – le parole di un ragazzo – te ne sei andato mentre coltivavi la tua immensa passione e sono sicuro che lo hai fatto col sorriso sulle labbra. Ora insegna agli angeli ad andare in moto, come solo tu sapevi fare». «Da lassù ora devi proteggere la tua famiglia – scrive un’internauta – e dare loro la forza per superare questo difficile momento». «Non è vero, è tutto un sogno – scrive incredula una mamma di Lustra, che conosceva molto bene Dylan e i suoi familiari – ti ricordo da piccolo e nelle fasi della tua crescita. Ricordi che rimarranno indelebili nella memoria di tutti».
Ancora incerta la data del funerale che verosimilmente potrebbe già essere fissata per oggi, dato che la salma è stata dissequestrata dopo alcuni esami nell’obitorio dell’ospedale vallese.Arturo Calabrese

OGGI L’AUTOPSIA A VALLO DELLA LUCANIA POI SARA’ FISSATA LA DATA DEI FUNERALI,MOLTO PROBABILMENTE DOMANI

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.