AGROPOLI

AGROPOLI,PERICOLOSA CARAMBOLA NOTTURNA,LA NOTA DI ROBERTA ORICCHIO

AGROPOLI: MENTRE IL SINDACO DORME GLI INCIVILI SI SCHIANTANO
“Ennesimo brutto incidente stanotte ad Agropoli in via Pio X, strada nota per le corse in auto e moto nelle ore serali e notturne, per gli incidenti, per gli investimenti di pedoni e per le innumerevoli cadute causate da marciapiedi dissestati. Forse non tutti sanno che i primi responsabili sono proprio i nostri amministratori ed il sindaco in primis, a tal proposito tengo a sottolineare che la sicurezza urbana è il bene pubblico relativo alla vivibilità ed al decoro delle città, da perseguire anche attraverso il contributo congiunto degli enti territoriali.

 

Al fine di tutelare la sicurezza urbana, è stata emanata di recente una specifica legge, la legge 18 aprile 2017, n. 48. Si tratta di un articolato pacchetto di misure, il cui obiettivo è potenziare l’intervento degli enti territoriali e delle forze di polizie nella lotta al degrado delle aree urbane, con un approccio che privilegia il coordinamento delle forze e la programmazione di interventi integrati. Inoltre, questa legge riconosce nuovi e maggiori poteri per i sindaci per consentire loro di adoperarsi per la riqualificazione e recupero delle aree o dei siti più degradati; eliminazione dei fattori di marginalità e di esclusione sociale; prevenzione della criminalità, in particolare di tipo predatorio; promozione del rispetto della legalità; più elevati livelli di coesione sociale e convivenza civile; tutela dell’incolumità e tranquillità dei cittadini; pulizia, igiene e salubrità urbane. Inoltre, la legge 48/2017 fornisce diversi strumenti d’intervento per i sindaci, tra cui la possibilità di emanare ordinanze anche senza le caratteristiche di urgenza e contingenza ex D.Lgs. 267/2000 (TUEL). Anche il Ministro dell’Interno lo ribadisce con la circolare del 5 agosto 2008 (art. 1), dove si precisa che “per incolumità pubblica si intende l’integrità fisica della popolazione e persicurezza urbana un bene pubblico da tutelare, attraverso attività poste adifesa, nell’ambito delle comunità locali, del rispetto delle norme che regolano la vita civile, per migliorare le condizioni di viabilità dei centri urbani, la convivenza civile e la coesione sociale”.

 

 


Tutto quanto premesso conduce dritto alla responsabilità del sindaco e dell’amministrazione comunale che non muovono un dito pur avendone il diritto e, soprattutto, il dovere e gli strumenti per intervenire efficacemente.
Infine, l’incoscienza di questi disgraziati è dovuta anche all’assenza di controlli, all’assenza di politiche per la sicurezza urbana ed all’incapacità amministrativa ad assicurare una città sicura, vivibile e decorosa ai cittadini ed ai turisti. Non è una questione politica, è una questione contro la politica che tutto può e nulla fa.
Continuate a firmare la petizione “Agropoli Sicura”: il Ministero dell’Interno ci aspetta!”Roberta Oricchio

 

Il sito www.agropolinews.it è su instagram.Anticipazioni e notizie anche sul social più fotografico.Apputamento a tutti voi su instagram


WWW.CANALECINQUETV.IT

WWW.CALCIOGOAL.IT

WWW.TUTTOJUVE.NET