AGROPOLI

AGROPOLI,POLITICA DI BIASI: “NIENTE PRIMARIE IL NOSTRO CANDIDATO E’ADAMO COPPOLA”

franco di biasi e
Nella foto il consigliere Franco Di Biasi con l’assessore la Porta e la presentatrice televisiva Enza Ruggiero

Agropoli. La Porta chiede le primarie i primi passi ufficiali verso la fuga sono in atto. Da tempo ormai l’assessore di Alfieri lavora per la composizione di una coalizione per fronteggiare Adamo Coppola il sindaco designato da Alfieri e dal PD per guidare la coalizione alla scadenza dell’attuale consiliatura in agenda fra un anno esatto.Le grandi manovre da tempo sono cominciate. Fuori uso il centro destra,scarsi i grillini la partita si gioca tutta all’interno dell’attuale amministrazione.Alfieri non può più candidarsi e ha indicato Adamo Coppola quale suo successore nel segno della continuità.Il Pd è d’accorso per cui si sono accodati gli assessori Benevento e Crispino.Fuori dal Pd ha dato il suo appoggio Santosuosso mentre il montiano la Porta non essendo del PD e in odore di rottura chiede le primarie di coalizione come avevamo annunciato da molto tempo.La risposta è picche,Franco Di Biasi consigliere vicinissimo all’attuale sindaco Alfier sollecitato sull’argomento risponde: “Le primarie si fanno la dove non c’è una consolidata stagione politica e amministrativa che invece ad Agropoli abbiamo creato.Nel segno della continuità Adamo Coppola,senza togliere nulla a nessuno ,è stato indicato da Alfieri e dal partito e la scelta ha trovato totale convergenza nel partito e anche nell’amministrazione che regge il sindaco e la giunta quindi le primarie sarebbero inutili in questo caso anche se le considero in generale un istituto molto importante per la democrazia”.La Porta però le considera molto indicative,sarebbero anomale perchè di coalizione e le agita perchè politicamente in questo modo giustificherebbero la sua presa di distanza e quindi la sua discesa in campo alla guida di una coalizione che si andrebbe a creare.Con l’assenza del centro destra La porta deve creare un’aggregazione politica ex novo da fondare sull’anti alfierismo corrente che ad Agropoli,visti i risultati, è esigua.La sola mancanza delle primarie giustificherebbe il divorzio da Alfieri dopo che l’amministrazione Alfieri è nata proprio sull’asse Alferi La Porta? E un anno in giunta da separato in casa come lo giustificherebbe lo stesso La Porta ai suoi futuri alleati? Il dubbio più che legittimo è questo:La Porta fa realmente oppure vuole alzare il prezzo?I prossimi mesi chiariranno gli interrogativi attuali. Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.