AGROPOLI

AGROPOLI,ROM AGGUATO A DUE BAMBINI? CRESCE LA PAURA

parcheggio-landolfi
IL POSTO DOVE SI SAREBBE VERIFICATO UNO DEI DUE EPISODI

Agropoli.La psicosi sale alle stelle.La paura fa novanta. Il tutto si è concentrato nella giornata di martedì 16 dicembre ma via via la voce si è fatta strada tra la gente,nelle case,nei quartiere,nelle strade popolate per lo shopping.Una banda di rom provenienti dall’est avrebbe preso di mira alcuni bambini di Agropoli. Quanto sia vera questa voce non si sa.Allarme o fatti reali.Secondo alcune fonti i vigili urbani di Agropoli da più di 24 ore sono impegnati a loro volta per acciuffare i presunti protagonisti negativi di questi episodi che stando a quanto si afferma in giro si sarebbero verificati nel parcheggio dove una volta c’era il campo sportivo Landolfi e dove ora c’è un parcheggio semi abbandonato dove avvengono furti e maltrattamenti di automobili e nell’attuale area mercato. Dal comando dei vigili urbani c’è il più stretto riserbo nel fare uscire notizie anche per non creare particolari allarmi e anche per evitare che la gente possa compiere atti di vendetta personale nei confronti degli zingari slavi che sul territorio delinquono continuamente con furti e oppressione costante.Il riferimento non va verso la comunità rom residente ad Agropoli ma a nomadi che girano per le periferie delle città mostrando un volto della cattiveria più cruento.E sembra che l’episodio del 16 dicembre scorso vada proprio in quella direzione. Anche i carabinieri  stanno osservando un silenzio assoluto ma sono all’opera per individuare gli eventuali responsabili. Voci vicine al comando dei carabinieri raccontano di una caserma molto attenta a fenomeni di questo tipo. Il capitano Presutti sembra stia tenendo alta la guardia dei suoi uomini per fare in modo che gli slavi possano essere monitorati costantemente e assicurati alla gustizia ma anche per prevenire i loro atti delinquenziali. Nel frattempo davanti alle scuole e agili asili si è moltiplicata la vigilanza. ll sindaco Alfieri sta pensando di attivare un servizio costante anche attraverso i privati per garantire 24 ore su 24 la vigilanza e la sicurezza per i bambini presi di mira dai rom.E intanto la paura nella popolazione cresce.Sergio Vessiccho

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.