AGROPOLI CRONACA

AGROPOLI,SCATTA L’INCHIESTA PER IL CAMION SULLA SPIAGGIA,IN CITTA’ LA SICUREZZA E’ A RISCHIO

Era inevitabile.Dopo il verbale redatto dai carabinieri e dalla polizia municipale la procura della repubblica di Vallo della Lucania aprirà un fascicolo per valutare quanto si è verificato e per inchiodare alle  proprie responsabilità gli autori di quella che poteva essere una strage.Secondo le prime impressioni raccolte sembra che l’autista che aveva in consegna il camion della Sarim  che serviva a ripulire la piazza avrebbe dichiarato che era regolarmente chiuso e con il freno a mano tirato.Saranno i rilievi dei periti a dire cosa si è verificato.Sicuramente è stata una fatalità che poteva portare a conseguenze gravissime ma è anche la conseguenza che ad Agropoli la mancanza di attenzione sulla sicurezza sta trascinando il paese alla deriva.E’ capitato al camion della Sarim ma poteva capitare a chiunque perchè la gente ormai,visto il libertinaggio che c’è in giro,non se ne frega più di niente e fa quello che vuole.Sul posto l’unico amministratore presente era l’assessore Benevento il quale non ha voluto rilasciare dichiarazioni.Il fatto ha incuriosito poi l’opinione pubblica locale, le foto sono diventate subito virali e i tanti curiosi sono arrivati sul posto per vedere da vicino l’accaduto.In pochi minuti comunque il camion è stato risalito sulla piazza,la zona transennata e probabilmente anche sigillata per l’inchiesta e per il pericolo.la città dunque è tutt’altro che tranquilla.La Sarim la nuova ditta che si è aggiudicata l’appalto al posto della Yele raccoglie l’immondizia durante il giorno ed è sbagliato,i camion corrono sull’asfalto allineandosi perfettamente all’andazzo agropolese.Ora con l’inizio della bella stagione si ripropone il problema delle moto alcune dei quali impennano in pieno centro via Risorgimento,Viale Europa e via Piave dove noi personalmente abbiamo visto un soggetto nemmeno maggiorenne impennare all’impazzata,sempre lo stesso anche se questo schifo è abbastanza generale.Le moto vanno velocissime con ragazzi molte volte senza il casco.Non parliamo poi delle auto.E’ uno schifo.Si corre su tutto il territorio cittadino senza pudore e senza rispetto ne per gli altri ne per la città.Un vergognoso imbarbarimento che deriva dalla mancanza di attenzione da parte della politica locale che ha lasciato la città in mano ai cittadini che delinquono costantemente.E non sono solo i ragazzi che corrono sui mezzi o gli automobilisti che seminano il panico  all’impazzata in pieno centro.I cittadini sporcano e non vengono puniti,coloro che portano i cani a spasso fanno fare i bisogni ai loro cani e non puliscono portandosi dietro il Kit,il nostro parcheggio è sempre difettoso,i ragazzini che giocano a pallone nelle isole pedonali in special modo in piazza Vittorio Veneto nella quale passano indisturbati automobilisti incivili.Lo stato di abbandono in cui versa lo stadio Guariglia con una società di atletica che lo ha praticamente distrutto e sul quale l’amministrazione comunale ha fatto una discarica con il deposito dei camion dell’immondizia,le cabine delle biglietterie dei traghetti dismessi,con i potili mobili del porto abbandonati e un abbandono totale che l’Agropoli servizi non riesce a mettere a posto nelle proprie competenze perchè troppo sono i danni fatti dall’atletica e dai consiglieri comunali che hanno ridotto quello stadio in una vergognosa discarica a cielo aperto.Per non andare alla lunga una città incivile senza nessun controllo.E non ci parlate dei vigili perchè sono dei martiri.Sono pochi e non posso nemmeno cominciare a contravvenzionare e a bloccare tutto il marcio presente ad Agropoli.Ci vorrebbe l’esercito.Anzi riteniamo di essere solidali con i caschi bianchi locali perchè a fronte della monnezza di gente che delinque ad Agropoli vengono anche tacciati di lassismo. Siamo noi incivili non i vigili assenti senza strumenti necessari.Ognuno fa quello che vuole.La sicurezza doveva essere un caposaldo per l’amministrazione come in tutta Italia e invece non c’è nessun provvedimento teso a bloccare l’illegalità diffusa. Le telecamere non funzionano e dove funzionano non sono posizionate bene.Perchè quelle della piazza non guardano nell’isola pedonale?Forse l’interesse di qualche consigliere evita questo? O c’è qualche parente di qualche politico che spaccia e non vogliono farlo vedere dalle telecamere?E per quale motivo non si controllano?Tra venerdì e sabato intorno a mezzanotte il soggetto che impenna e semina il panico si è immesso da viale Europa verso la strada che porta al Nero Caffè perchè non si visiona la telecamera e lo si punisce? Forse la volontà di qualche politico lo evita?Perchè non si mette un freno sul lungomare san Marco chiudendolo la sera per motivi di sicurezza e per fini turistici?Perchè non si istallano le telecamere a via Risorgimento,a via Piave dove le corse di moto e auto sono più frequenti?Perchè non si prevede misure per bloccare questo scempio delle auto e delle moto?Perchè si continua a non mettere la telecamere in via Flavio Gioia per contravvenzionare chi semina il panico nella movida di via Mazzini e piazza della mercanzia?Agropoli è la città dell’illegalità e l’amministrazione si sta adeguando a questo stato di cose,i politici locali sono chiusi nelle loro stanze,forse nella loro visioni.Esistono solo le camere municipali e la burocrazia per loro.Amministrare vuol dire far stare bene la gente nei limiti delle risorse disponibili e invece per questi amministrare vuol dire elargire fondi alla pro loco,alle manifestazioni che non servono,fare gruppi consiliari,acchiappare assessorati,presidenze del consiglio,commissioni e tutto quello che può servire ai loro interessi personali.Sono lontani dalla città mille miglia.Sicuramente su qualche problema ci sono pure,la risoluzione delle alghe al lido azzurro è un capolavoro perchè quello delle alghe è un problema nel problema e stanno dimostrando di saperne venire a capo ma su altro per carità sono da mandare subito a casa.Agropoli ha mille risorse perciò ancora regge.Fino a quando non lo sappiamo sta di certo che questa mancanza di applicazione verso la città è una colpa grave e prima o poi le urne si rivolteranno contro.Renzi e il PD docet. Sergio Vessicchio