AGROPOLI CRONACA

AGROPOLI,SONO PASSATI 5 ANNI DALL’ECATOMBE SULLA SUPERSTRADA 4 MORTI/IL VIDEO

Sono passati 5 anni da qual maledetto 9 febbraio 2014 quando morirono 4 persone in un incidente stradale avvenuto la sera alle 20 circa sulla superstrada cilentana tristemente famosa per i numerosi incidenti stradali.Da quel momento ilCcomune di Agropoli decise di mettere un autovelox che di fatto da quel momento ha seminato solo vittime di verbali e nessun morto mentre in pochi anni di morti ce ne erano stati circa 10.

IL RICORDO

Tre i veicoli coinvolti nell’incidente: una Fiat Bravo nera, una Mercedes Clk grigia (il cui tachimetro si è fermato alla velocità di 145 km/h), ed un’Alfa Romeo 156 grigia, tutte andate completamente distrutte. A perdere la vita il 43enne capaccese Gianfranco De Santis, proprietario del ristorante “La Capannina” e del camping “Ulisse” in località Torre di Mare, morto sul colpo (era alla guida della Mercedes); la 29enne Emma D’Auria, di Cava de’ Tirreni, morta sul colpo, alla guida della Fiat Bravo sulla quale viaggiava anche la 50enne Annunziata Sorrentino di Cava De’ Tirreni, deceduta durante il trasporto all’ospedale di Battipaglia; e il 52enneVito Chechile, perito anch’egli durante il trasporto all’ospedale di Vallo della Lucania: l’uomo si trovava a bordo dell’Alfa 156, con altre tre persone rimaste ferite, tutte donne, trasportate d’urgenza all’ospedale di Eboli (non sono in gravi condizioni) a bordo dell’unità rianimativa Humanitas di Santa Venere e di Agropoli, intervenute tempestivamente sul posto. È stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco del distaccamento di Eboli, diretti dai caposquadra Angelo Picariello e Gabriele Coviello, per estrarre i corpi dalle vetture. Sul posto, rilievi del caso a cura della Polizia Stradale di Vallo della Lucania, coordinata dall’isp. Gianfranco Franco; i carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretta dal cap. Giulio Presutti; i carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania, diretta dal cap. Alessandro Starace. Il pm Alfredo Greco, della Procura di Vallo della Lucania ha aperto un’inchiesta per chiarire la precisa dinamica dell’incidente.

Da notare che due persone sono morte durante il trasporto all’ospedale, mentre proprio alle spalle della SP430 c’è il nosocomio di Agropoli, chiuso di recente: forse se fosse stato ancora attivo, le vittime avrebbero avuto maggiori possibilità di salvarsi.


WWW.CANALECINQUETV.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.