AGROPOLI

AGROPOLI,UN CORO DI NO PER MARIO CAPO,L’ESPONENTE DI FRATELLI D’ITALIA ISOLATO NEL CENTRO DESTRA

MARIOEra nell’aria,prima o poi sarebbe uscito allo scoperto. Mario Capo esponente del partito di Fratelli d’Italia,lo stesso partito di Cirielli e Squillante tanto per intenderci,ex assessore nominato(non eletto) dalla giunta Mautone ,ex consigliere comunale eletto in una lista civica una sola volta perchè tutte le altre numerose volte in cui si è candidato è risultato non eletto.Nonostante questo da tempo riesce ad ottenere incarichi dalla politica forse perchè le sue qualità professionali sono molto migliori rispetto agli altri . Era evidente che tutti ne prendessero subito e distanze.Mario Capo delfino di Cirielli in UNA intervista alla città critica l’operato di Alfieri forse lo fa come cittadino ma crediamo anche come esponente del partito Fratelli D’Italia e vorrebbe riunire il centro destra in vista delle prossime elezioni.Ma sono in molti a prendere le distanze e al momento non ha ottenuto nessuna adesione anzi l’unico consigliere di centro destra Pasquale Di Luccio del suo partito da tempo lo ha scaricato.Le parole di Mario Capo di critica ad Alfieri non trovano riscontro nell’attività del consigliere comunale del suo partito Pasquale Di Luccio il quale invece fa capire che gradisce l’operato di Alfieri perchè non ci sono azioni di opposizione al governo cittadino anzi spesso anche in consiglio comunale su scelte importanti per Agropoli Di Luccio ha votato anche a favore restando  comunque in minoranza.Forza Italia e Noi Salvini fanno sapere che con Mario Capo non tratteranno mai e non si siederanno mai e non ci meraviglieremmo  se lo stesso Capo farebbe voti a Fasano coordinatore provinciale di Forza Italia con il quale è legato da un’antica amicizia per cercare di avvicinarsi agli azzurri.Ma ci vogliono i voti e Mario Capo di voti ad Agropoli ne ha avuti sempre pochi lo dimostrano le sue numerose mancate elezioni alla provincia e al comune.Uno dei motivi perchè Alfieri ha vinto con l’89% dei voti nelle scorse elezioni,oltre all’operato apprezzato dall’elettorato,perchè uno degli ispiratori della lista dell’allora PDL era proprio Mario Capo e così il centro destra ha preso una sonora sconfitta addirittura quasi scomparendo e portando in consiglio comunale un solo consigliere.Il coro di no che ha ricevuto e che riceverà è un segnale chiaro ed inequivocabile che se vuole fare politica ad Agropoli Mario Capo la deve fare da solo magari mostrando di voler fare qualcosa per Agropoli  impegnandosi  e conquistando l’elettorato altrimenti saranno ancora mancate elezioni. Sergio Vessicchio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.