AGROPOLI

AL GIFFONI FILM FESTIVAL 2 MINUTI DI SILENZIO PER L’ATTENTATO DI NIZZA

Giffini_FranciaDue minuti di silenzio, la bandiera francese che sfila per la Cittadella portata dai ragazzi e il grido “France! France!”. Così il Giffoni Film Festival, inaugurando oggi l’edizione 2016, ha deciso di rendere omaggio alle vittime dell’attentato di Nizza. “Abbiamo paura ma non smetteremo di sognare un futuro migliore”, hanno detto alcuni dei giovani giurati. È stata dedicata alle vittime della strage di Nizza la 46esima edizione del GFF (15-24 luglio). “Vogliamo dedicare questa edizione alla Francia, alle vittime di questa orrenda strage, ai tanti bambini e ragazzi morti in questo attentato” ha detto il presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca. ”Anche per noi è una giornata segnata dal dolore e dalla tristezza. È diventata, ancor di più, l’edizione della solidarietà” ha aggiunto.Sono intervenuti i giurati francesi Célie Chollois, Moyra Arrebot Natou, Camille Royant, Solène Leclerc, Chloé Winieski, Pénélope Douillet ai quali De Luca ha donato un mazzo di fiori che richiama i colori della bandiera francese. Parole di dolore e cordoglio da parte di una delle giovanissime giurate, Camille Royant, che si è detta ” sconvolta e addolorata per quello che è accaduto a Nizza”.“Oggi – ha aggiunto De Luca – abbiamo riconfermato che i contenuti del Giffoni Film Festival rappresentano il modo più forte per contrastare la barbarie del terrorismo, che punta a diffondere paura e violenza nel nostro modo di vivere, a creare barriere, divisioni, odio tra i popoli. Giffoni Film Festival, invece, è l’evento che accomuna i popoli, che porta qui bambini da decine di Paesi il che dimostra che l’incontro e il dialogo possono essere occasione di crescita umana e culturale. La risposta del Giffoni, dell’Italia, dell’Europa è questa: l’apertura al dialogo, la tenacia nel mantenere aperti i canali della comprensione e della solidarietà fra i popoli. Poi occorrerà, su altri piani, una riposta militare dura ed efficace”.Ha sottolineato il governatore campano: ”Uno degli obiettivi di fondo del terrorismo è cambiare il nostro modo di vivere, alimentando divisioni e tensioni. Noi affermiamo, ancora una volta, da qui, da Giffoni e dalla Campania, la linea della solidarietà. Ai bambini e bambine dobbiamo presentare queste vicende terribili e drammatiche come occasioni di crescita e momenti per capire quanto sia dura la vita. Partendo da queste tragedie, possiamo far comprendere che nel mondo c’è il bene e il male e che tutti abbiamo la responsabilità di non far prevalere il male. Queste giornate di Giffoni, dove si respira vicinanza umana, dove si vive questa comunione tra ragazzi di tante realtà diverse, è la testimonianza del bene che c’è. Qui possiamo far toccare con mano il bene”. Al taglio del nastro anche il direttore del Giffoni Experience, Claudio Gubitosi, il presidente del Giffoni Experience, Piero Rinaldi ed il sindaco della cittadina del Salernitano, Antonio Giuliano.

De Luca, «Pieno sostegno, ma occorre anche cambiare»

giffoni_nizza_bandiera“Il Giffoni Film Festival è uno degli eventi di maggiore carattere internazionale che abbiamo in Italia. Sosterremo con grande determinazione questo evento”. Lo dichiara il presidente della Giunta regionale De Luca a margine dell’inaugurazione del GFF. “Ovviamente – scherza De Luca – il direttore Claudio Gubitosi non sarebbe un buon direttore se non si lamentasse, come tutti i direttori, e non chiedesse più soldi”.

E aggiunge: ”Ma anche Gubitosi, come tutti gli altri, deve comprendere che viviamo tempi difficili. Oggi bisogna fare i conti con i bilanci, bisogna capire che siamo entrati in una nuova fare dove occorre un rigore estremo nella gestione della risorse disponibili. Oggi investire cinque, sei milioni di euro è un grande sacrificio. É un dovere valorizzare tutti i momenti di crescita culturale del Paese, ma dobbiamo sapere che i tempi sono difficili. Dunque, nessun dubbio sul sostegno pieno e convinto nei confronti di questa iniziativa, ma nella convinzione che dobbiamo tutti cambiare qualcosa. Deve crescere il rigore anche nella gestione di questi eventi e bisogna ripensare anche i contenuti degli eventi stessi. Il modo migliore per conservarli, è rinnovarli”.Il presidente De Luca visita il cantiere della futura Multimedia Valley e afferma: “Sono venuto qui avendo già negli occhi il mandato di pagamento di sei milioni di euro per lo stato d’avanzamento. Era una riconferma concreta dell’impegno della Regione a completare questo insediamento, questo villaggio multimediale deve diventare sempre di più un luogo di produzione, creatività, ma anche di sviluppo. Anche il Giffoni Film Festival deve fare un salto di qualità, facendo accrescere il suo carattere internazionale, diventando sempre di più occasione di sviluppo, creazione di impresa, ricchezza”.“Vi sono decenni di esperienza alle spalle e credo che sia maturo il ripensamento anche di questa esperienza e l’apertura di una nuova stagione. Io vorrei avere una sottolineatura maggiore dei contenuti di creatività specifica del cinema per ragazzi, ma soprattutto – e questo accadrà con il completamento del villaggio – la nascita di decine di start up nel campo della multimedialità. Questa è davvero una grande occasione di sviluppo e una garanzia che questo evento potrà durare a lungo negli anni. Secondo il direttore Claudio Gubitosi ‘a Giffoni si sogna, si pensa, si realizza’. Questo è l’evento che tutto il mondo ci invidia”.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.