AGROPOLI ATTUALITA'

ALFIERI,COPPOLA,CIANCOLA E DI BIASI PRESI PER CULO ALLA ASL,L’OSPEDALE DI AGROPOLI NON SI RIAPRE.BASTA COPRIRE DE LUCA

COMUNICATO STAMPA COMUNE DI AGROPOLI

Si è tenuto nella mattinata odierna(foto), presso la sala riunioni dell’Azienda Sanitaria Locale,  in via Nizza a Salerno, un incontro con il direttore generale Antonio Giordano, per discutere sul futuro dell’ospedale di Agropoli. Erano presenti, oltre al dg Giordano, il Sindaco di Agropoli, Adamo Coppola; il capo staff della segreteria di Vincenzo De Luca nonché consigliere delegato ad Agricoltura, Caccia e Pesca, Franco Alfieri; i consiglieri comunali Emidio Cianciola e Franco Di Biasi; Questi gli step previsti: «si è già tenuto – ha spiegato il dg dell’Asl Salerno – un sopralluogo per procedere al ripristino delle tre sale operatorie presenti nell’ospedale di Agropoli. Non posso assicurarvi – ha riferito – una apertura delle stesse entro questa primavera, ma questo certamente avverrà entro il mese di giugno 2018. Per compiere l’intervento si è stimata una spesa di 600.000 euro. Al momento della loro attivazione – ha precisato – verrà dato il via anche agli interventi di piccola chirurgia. Si sta lavorando per rendere disponibile anche un rianimatore, che sia operativo a tempo pieno ed ulteriori figure per il loro funzionamento. Nel frattempo, il laboratorio analisi e la radiologia diventeranno operativi h24, con personale dedicato». A tal proposito è stato annunciato che: «ad Agropoli arriverà una Tac nuova, per la quale a breve partirà una gara dedicata; qui sarà trasferita anche la Tac presente all’ospedale di Sarno». Per quanto riguarda i progetti a lungo termine, il presidio ospedaliero «si specializzerà nella creazione della chirurgia della tiroide e/o della mammella». All’avviso del dg Giordano non serve duplicare quanto già è attivo in altri presidi, ma caratterizzarsi su determinate specialità: «questo garantirà una esistenza a lungo termine, proprio dettata dall’unicità». «Ci riteniamo soddisfatti – affermano il Sindaco Adamo Coppola e Franco Alfieri – di quanto è emerso nell’incontro. Abbiamo fatto una chiacchierata sincera, senza creare illusioni, anche perché sappiamo bene che con la salute non si scherza. Quanto prospettato per il nostro presidio ci sembra valido. Caratterizzarsi su determinate specialità significa non rischiare che domani possano, ancora una volta minare, il nostro diritto alla salute».COMUNICATO STAMPA COMUNE DI AGROPOLI

E come volevasi  dimostrare vogliono coprire il padrino De Luca il quale invece è impegnato in primo luogo a scaricare Alfieri per favorire politicamente il figlio e Alfieri costretto a sottostare ai diktat del governatore il quale doveva aprire l’ospedale senza indugi.In secondo luogo volutamente non fa aprire l’ospedale di Agropoli per non rafforzare Alfieri in prospettiva futura.Se Caldoro e i suoi amichetti lo avevano chiuso per bloccare l’ascesa politica di Alfieri ora De Luca non lo apre per lo stesso motivo.Questa mattina sono andati a farsi prendere per culo dall’Asl di Salerno gestita dagli uomini di De Luca i quali gli hanno contato quattro frottole e se li so tolti dai coglioni.Ormai siamo alla frutta,nel piano sanitario regionale Agropoli è stata ancora affossata la politica sta penalizzando non poco la vita quotidiana di Agropoli e del comprensorio dove si continua a morire di mala sanità grazie al banditismo politico di chi amministra gli enti preposti.Alfieri se ne faccia una ragione,la mira è lui e usano l’ospedale.Tutto questo ci fa schifo.Sergio Vessicchio

 

comunicato stampa
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.
http://www.agropolinews.it/