AGROPOLI

ANCORA SENZA NOME IL CADAVERE TROVATO BRUCIATO A MONTECORVINO ROVELLA

cadavere salerno-kNOE--401x175@CormezSarebbe stato ammazzato di botte prima che i suoi assassini lo bruciassero. Il cadavere ritrovato all’alba in un viottolo di località Occiano del Comune di Montecorvino Rovella è quasi completamente carbonizzato ed era stato legato. Secondo gli investigatori l’uomo, di età tra i 50 ed i 60 anni e di carnagione chiara, sarebbe stato ucciso e poi trasportato nel luogo del ritrovamento. Il corpo, rinvenuto da un pastore che ha dato l’allarme, era avvolto in un bustone di cellophane al quale è stato appiccato il fuoco. Al collo, ai polsi e ai piedi sono stati ritrovati dei fili elettrici. Al polso la vittima aveva un orologio di ferro che segnava le ore 3.42.Mentre proseguono le indagini dei carabinieri della compagnia di Battipaglia, diretti dal capitano Giuseppe Costa, e coordinati dal pm di Salerno, Katia Cardillo, per accertare l’identità della vittima, il medico legale Adamo Maiese nelle prossime ore provvederà ad effettuare una virtopsia, cioè una tac tridimensionale, dalla quale potranno emergere utili indicazioni riguardanti eventuali ferite e traumi subiti dall’uomo. Il cadavere è stato trasferito all’ospedale di Vallo della Lucania, mentre l’ autopsia potrebbe essere effettuata nel fine settimana.Il corpo dell’uomo, tra i 45 – 50 anni ritrovato nel bosco di Montecorvino Rovella è quello di uno straniero, bianco, corporatura esile, con la barba. Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, l’uomo sarebbe stato ucciso in un posto diverso dal ritrovamento. Poi trasportato in auto e qui, nella frazione di Occiano, è stato bruciato. La vittima indossava un orologio che segnava le ore tre; un particolare questo che potrebbe essere un indizio prezioso per gli inquirenti.La vittima, secondo quanto riferito dal medico legale Adamo Maiese è stata ritrovata incappucciata con il capo riverso sul terreno. Le mani e i piedi erano legati con nastro adesivo e fili elettrici. Le indagini proseguono per risalire al nome della vittima e soprattutto ai motivi. Avviate dai carabinieri della compagnia di Battipaglia. Sul posto oltre al medico legale anche il pm della Procura di Salerno Katia Cardillo. Il corpo intato è stato trasferito all’ospedale di Vallo della Lucania.

orrore 1orrore 2orrore 3