AGROPOLI

BATTIPAGLIA,EMANUELE SCIFO PUÒ OPERARSI A MIAMI,CI SONO I SOLDI

IL TANTO ATTESO FINANZIAMENTO DELL’ASL E’ ARRIVATO,660 MILA EURO,LA RACCOLTA CONTINUA

EMANUELE SCIFOBATTIPAGLIA. L’attesa notizia è arrivata ieri: Emanuele Scifo può preparare i bagagli e partire per gli Stati Uniti, dove si sottoporrà al delicato intervento chirurgico del costo di 1 milione di euro che, per lui, rappresenta l’unica speranza salvavita. Dopo un complesso iter ed una lunga catena di solidarietà per il giovane battipagliese (nella foto), attraverso la quale sono stati raccolti complessivamente 230mila euro, il direttore generale dell’Asl, Antonio Squillante, ha autorizzato la spesa di 660mila euro, grazie ad apposita delibera che ha ottenuto il placet della Regione Campania, su proposta del distretto sanitario di Battipaglia e previa acquisizione dell’autorizzazione del Centro Trapianti regionale. Il 33enne infermiere, affetto da una rara patologia che lo costringe a nutrirsi per via parenterale e che gli ha fatto perdere peso riducendolo, ad oggi, a circa 44 chili, potrà dunque effettuare il trapianto multi viscerale presso il “Miami Jackson Hospital”, che prevede la sostituzione di ben 5 organi contemporaneamente. In Italia, l’unico ospedale che effettua interventi del genere è il Suor Orsola Malpighi di Bologna, che però non era riuscito a trovare un donatore. Ora, grazie alla sensibilità dell’intera provincia di Salerno, Emanuele ha una chance di vita.

DELIBERA APPROVATA DALL’ASL, MA LA RACCOLTA FONDI PER EMANUELE NON SI FERMA.

Il comitato “Una corsa contro il tempo per Emanuele Onlus” comunica che, ieri 9 luglio, l’Asl Salerno, con deliberazione del Direttore generale Antonio Squillante, ha affisso all’albo pretorio la richiesta avente per oggetto “la richiesta all’Azienda Sanitaria Locale di Salerno di partecipazione alla spesa per multitrapianto all’estero” di Emanuele Scifo. È stato deliberato di adottare la proposta in oggetto così come formulata dai direttori del D.S. 65 e di richiedere il rimborso alla Regione Campania. Le donazioni dei cittadini corrispondono finora a 230mila euro e quindi adesso la Regione Campania dovrà autorizzare ed accollarsi, speriamo in tempi brevissimi, date le precarie condizioni di salute di Emanuele, le restanti spese per il delicato intervento che corrispondono a circa 660mila euro. Emanuele ringrazia di cuore tutti i cittadini che finora hanno donato, i dirigenti dell’ASL e la Regione Campania augurandosi che prima possibile possa essere predisposta la partenza. Il comitato invita i cittadini ,comunque ,a non fermarsi con la raccolta e con manifestazioni di solidarietà perché le spese sostenute riguardano solo ed esclusivamente l’intervento a Miami e non la permanenza in America fuori dalla struttura ospedaliera (iter previsto circa 90 giorni),la degenza (iter previsto circa sei mesi) e le terapie mediche che sono a completo carico del paziente e sono molto costose. Le condizioni economiche di Emanuele non sono certamente floride ,in quanto la cifra raccolta finora, (230mila euro), serve a garantire, in parte, l’operazione. Continuare a chiedere aiuto in momenti critici non è facile, ma è, purtroppo, fondamentale per continuare questa corsa per un sacrosanto diritto alla vita che è un diritto di tutti. Ricordiamo che ogni spesa affrontata sarà rendicontata e resa pubblica e che eventuali donazioni non utilizzate saranno devolute ad associazioni benefiche. Comunichiamo a quanti desiderano organizzare manifestazioni o raccolte di denaro che possono contattare il comitato all’indirizzo mail: scifoemanuele@libero.it e al numero di telefono 0828 303232.FONTE STILE TV