AGROPOLI

BATTIPAGLIA,LA SINDACA CECILIA FRANCESE DURISSIMA: “MI ASPETTAVO AIUTO DALLA GENTE NON RISPONDO SU INTERNET MI PIACE GUARDARE NEGLI OCCHI”

CECILIA FRANCESE 5Il sindaco di Battipaglia Cecilia Francese ha affidato al suo profilo facebook un lungo sfogo,un messaggio alla città a due mesi dalla sua elezione.Questo il lungo post: “Ho già avuto modo un mese fa di spiegare che non era per me più tempo di FB.Questo per due motivi Non ho più tempo da dedicare al tablet, mi restano solo poche ore notturne per dormire.La mia vita è cambiata molto.Ho dovuto rinunciare alla mia vita privata (ed è la cosa che mi pesa di più ), ho dovuto rinunciare alla ricerca con non condivisione dei miei Colleghi, ho dovuto dare un taglio importante alla mia vita professionale (questo per rispondere a chi ha scritto in un post che sul comune andiamo a rubare e a far rubare gli amiciBeh sono stata proprio pazza a rinunciare all’attività precedente, se dovessi pensare in termini di opportunità economica, ma non mi è mai importato niente avere una vita più agiata di quella che ho e mai sono stata una ambiziosa se non nel primo periodo giovanile.Poi quando ho avuto a che fare con la sofferenza e i drammi che le malattie tumorali sono capaci di determinare, ho perso ogni ambizione e ho incominciato a sorridere alle cose semplici).L’altro motivo è la mortificazione che devo subire vedendo gente che neanche ti conoscono parlare di me in modo sgradevole, non penso di meritarlo.Persone che mai niente hanno fatto per gli altri e per questa società, persone codarde che mai hanno condotto vere battaglie.Persone che si lamentano come in meno di due mesi questa amministrazione ha portato la sporcizia, i ratti, gli scarafaggi la disoccupazione, A breve ci sarà una nuova disinfestazione e derattizzazione dopo ennesima richiesta all Asl. Ringrazio le tante persone che amano invece questa città che la mattina cercano di tenere pulito il tratto di strada nel proprio quartiere.Siamo in una situazione di emergenza e se non si crea una rete di solidarietà non si va da nessuna parte.Abbiamo solo 12 spazzini che con grande sforzo cercano di pulire questa città e non possiamo fare assunzione per legge.Abbiamo accettato l’invito del prefetto a sperimentare i volontari, se ce ne saranno, tra i rifugiati politici per utilizzarli per lavori socialmente utili a costo zero e mi sparano addosso che assumiamo “i neri e non i battipagliesi” diffondendo un falso e alimentando la discriminazione .Non penso di meritare di leggere ciò.Si scatenano ogni giorno mi dicono discussioni riguardanti la mia persona e si richiede un mio intervento.Non è FB il luogo dove rispondo.Non vado al massacro qui.Se volete io sono disponibile in dibattiti e confronti pubblici.Io continuo ad essere la solita.Sono Cecilia figlia di Giulio e della maestra Poldina che sta cercando di attuare un cambiamento insieme alla sua squadra di assessori e ai suoi consiglieri e ai cittadini che ci credono, in una città difficile, in un consiglio dove si permettono accuse pesanti senza che certe persone che pensavi fossero amici abbiano il coraggio di intervenire.È meglio far finta di niente perché non conviene forse.Si, mi aspettavo dagli amici solidarietà per le gravi accuse ricevute insieme alla mia amministrazione, ma non preoccupatevi ce la caviamo da soli eccome.Ed ora scusatemi ma nel we preferisco dedicare il mio tempo alla mia famiglia visto che la trascuro il resto dei giorni settimanali.Buona domenica a tutti voi”.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.