AGROPOLI

BATTIPAGLIA,SVOLTA EPOCALE DIMINUISCONO I PARCHEGGI A PAGAMENTO

BATTIPAGLIA PARCHEGGIOIl Comune di Battipaglia ha varato il nuovo piano dei parcheggi a pagamento, aggiornando quello abbozzato lo scorso anno dal commissario prefettizio Mario Rosario Ruffo. L’ultimo era stato approvato dal Consiglio comunale nel 1993, a cavallo tra le amministrazioni di Bruno Mastrangelo e Vito Santese. Poi vent’anni di concessioni altalenanti, mancati pagamenti degli oneri al Comune, proroghe e bandi, variazioni nell’organizzazione dei parcheggi che avevano creato un sistema di strisce blu ed una città, specialmente in centro, quasi priva di zone di sosta gratuita. Serviva l’intervento della commissione straordinaria per dare alla città una parvenza di buon senso nella gestione dei parcheggi.Diminuiscono i parcheggi a pagamento, ma vengono considerate zone centrali anche strade e quartieri che, fino a qualche tempo fa, erano semicentrali. L’affidamento resta a carico del Comune, tramite la gestione della polizia municipale, dopo le avventure targate “il Parcheggio” e “New Service” e il breve governo di Nuova Manutenzione srl.Le strade dove sono presenti strisce blu sono state divise in quattro categorie – centrale, semicentrale, mercato quotidiano e mercato settimanale – per un totale di 896 strisce blu, sette posti riservati, 45 per disabili ed otto parcheggi rosa. Quest’ultima categoria riguarda i parcheggi utili per le donne incinte o appena divenute mamme.Nel dettaglio, le zone centrali sono piazza della Repubblica con 18 posti a pagamenti ed uno per disabili, via Gonzaga con 20 a pagamenti ed uno per disabili, via Matteotti (13 blu, due per disabili, due rosa), piazza Rago (52 blu e due per disabili), piazza Farina (14 blu, sette riservati ed uno per disabili), via Adige (30 blu e tre per disabili), piazza De Curtis (18 blu e due per disabili), piazza San Francesco (12 blu, uno per disabili, due rosa), via Italia (18 blu, uno per disabili), primo tratto (14 blu, due per disabili) e secondo tratto di via Paolo Baratta (17 blu, uno per disabili), piazza D’Acquisto (27 blu, uno per disabili), via Turati (14 blu, uno per disabili), via Confalonieri (54 blu, due per disabili), via Buozzi (30 blu, tre per disabili), via Mazzini (84 blu, dieci per disabili, due rosa), via Roma (13 blu, uno per disabili). Le zone definite semicentrali sono l’area laterale di via Ripa per 170 posti blu, quattro per disabili e due rosa, via Valsecchi con 17 posti blu ed uno per disabili. L’area mercatale settimanale riguarda viale Barassi con 50 strisce blu ed un posto per disabili, e piazza Pozzo con 176 parcheggi a pagamento e due per disabili. L’area mercatale giornaliera, infine, è l’area del campo Sant’Anna con 35 posti auto a pagamento e due per disabili.Restano invariate le tariffe. Nelle zone centrali la sosta a pagamento vale per i giorni feriali dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 21, con tariffa di cinquanta centesimi per i primi trenta minuti ed altri cinquanta centesimi per ogni mezz’ora successiva o frazioni inferiori. Nelle zone semicentrali, sempre nei giorni feriali, tariffa di cinquanta centesimi per ogni ora o frazione dalle ore 9 alle 13 e il pomeriggio dalle ore 15 alle ore 21.Nella zona del mercato giornaliero presso lo stadio Sant’Anna, il parcheggio si paga dal lunedì al sabato, eccetto il giovedì (quando si tiene il mercato settimanale), con una tariffa di cinquanta centesimi per ogni ora dalle 8 alle 13. Tutti i giovedì, invece, il parcheggio si paga dalle ore 7 alle ore 13 presso piazza Pozzo e viale Barassi per il mercato settimanale: un euro per le prime due ore e cinquanta centesimi per ore o frazioni successive. Gratuito il parcheggio in Parco delle Magnolie, dove però resta da risolvere il problema degli abusivi.Confermata la gratuità dei parcheggi la domenica e nei giorni festivi.