AGROPOLI

BEFFA PER 500 PROF SALERNITANI: CONCORSO VINTO, NIENTE CATTEDRA

Vincono il concorso ma restano al palo senza cattedra. Non ci sono i posti previsti un anno fa per i docenti vincitori del maxi concorso bandito con la legge della Buona scuola. Molte delle disponibilità previste un anno fa sono state rosicchiate a poco a poco dai colleghi già di ruolo che hanno ottenuto una ordinanza o una sentenza favorevole in cui i giudici del lavoro hanno evidenziato errori commessi dal Ministero dell’Istruzione in fase di mobilità nazionale un anno fa: si tratta di docenti immessi in ruolo nell’ambito della fase nazionale della legge Buona scuola che si trovano in esubero nel salernitano dopo aver vinto un contenzioso con l’amministrazione. Solo alle elementari e alle superiori sono almeno 100 i docenti di ruolo vincitori di contenzioso che salutano il nord e tornano a Salerno su disposizione giudiziaria. Ma c’è un’altra faccia della medaglia che non piace ad un’altra categoria di insegnanti ancora non di ruolo. Chi ha strappato un provvedimento favorevole è tornato a Salerno lasciando cattedre vuote al nord ma erodendo al contempo le disponibilità per assumere altri docenti vincitori del concorso del 2016. Una beffa amara per centinaia di insegnanti salernitani che hanno passato le forche caudine delle prove concorsuali. Inseriti in graduatorie di merito a scorrimento, i prof che hanno superato le prove si trovano inseriti in una lista di attesa che molto probabilmente richiederà più di tre anni per essere esaurita.

sergio
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.