AGROPOLI

CAMELOT VICINA AI DIPENDENTI DELLA YELE

IELEGià in passato l’associazione Camelot – dalla parte degli Ultimi! si è occupata del Co. Ri. Sa. 4 e dei lavoratori del comparto rifiuti. Oggi è la Yele S.p.A, assieme al Co.Ri.Sa. 4, a destare delle paure e perplessità per come sono trattati i loro lavoratori. La Yele S.p.A. è stata prorogata fino al 31.12.2015 e ciò a seguito di complesse trattative. Purtroppo la sua proroga non ha fatto altro che prolungare l’agonia dei suoi dipendenti. Infatti la Yele S.p.A sarebbe in ritardo nel pagamento di diverse mensilità ed il altri casi non avrebbe pagato, relativamente ad alcuni suoi dipendenti, le spettanze a società finanziarie per la cessione del quinto dello stipendio che risulterebbe comunque trattenuto in busta paga. Di fatto non solo non verrebbe pagato lo stipendio al lavoratore, ma questi, nel caso in cui avesse fatto un finanziamento, si troverebbe la busta paga decurtata della somma della rata che non sarebbe stata poi versata all’istituto di credito. Mi giungono notizie che ad alcuni lavoratori della Yele S.p.A. le società che hanno erogato i finanziamenti minacciano di recuperare i crediti. Oltre il danno anche la beffa. Le famiglie non ce la fanno più. Il timore di perdere il posto di lavoro lega le mani dei lavoratori che, non fanno proteste, ma eroicamente svolgono tutti i giorni i loro lavoro. Nei prossimi giorni solleciterò il Presidente della Yele S.p.A., Dott. Ametrano Marcello e le principali sigle sindacali affinché si prendano provvedimenti urgenti al fine di risolvere definitivamente i problemi dei dipendenti. Se accordo non vi sarà, la popolazione, gli utenti, si dimostreranno solidali nei confronti di chi, eventualmente, prenderà la decisione di sospendere la raccolta rifiuti.CAMELOT

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.