AGROPOLI

CAMEROTA IL SINDACO ROMANO SUL MEETING E’ UN FIUME IN PIENA E SFIDA IL PRETE COMUNISTA: “DON GIANNI CITRO SE HA IL CORAGGIO VENGA A FARE UN CONFRONTO PUBBLICO CON ME”

Comunicato stampa Comune di Camerota: Il sindaco Romano: “Non esistono gravi inadempienze. Il Meeting resta a Marina di Camerota perché è patrimonio di tutti”.

image“Cari concittadini,in queste ore ho appreso, con grande stupore, la decisione dI,Don Gianni Citro, di non svolgere l’edizione del 2016 a Marina di Camerota a causa di presunte “gravi inadempienze”.
Appena rientrato da Napoli, mi sono personalmente recato in comune per verificare se tali accuse erano fondate.
Dalla visione dei documenti è emerso in maniera chiara ed inequivocabile che né l’amministrazione comunale, nè gli uffici hanno posto in essere alcuna inadempienza, nè grave nè di minore entità.
I cittadini devono sapere che:
Le gravi inadempienze a cui fa riferimento Don Giani Citro non esitono nella realtà e appaiono, con il passare delle ore, solo come un pretesto per trasferire la manifestazione altrove.
Infatti:
antonio_romano_1I soldi per il Meeting del Mare sono stati accreditati il 9 Marzo del 2016 su un conto corrente vincolato aperto proprio per tale finanziamento (cioè i fondi non possono essere utilizzati per altri scopi e non sono scomparsi come lui dice)
Nella stessa data gli uffici comunali hanno redatto e pubblicato le determine di liquidazione.
La sera del 21 Marzo 2016 i mandati di pagamento sono stati preparati.
Le somme non sono ancora state accreditate ai fornitori solo per una temporanea assenza del personale della tesoreria comunale gestita dalla banca Monte Paschi, filiale di Sapri.
Tale circostanza è facilmente verificabile,
Questa è la verità!
Cari concittadini a questo punto,la domanda sorge spontanea:
Quali sono, alla luce dei fatti che ho esposto e che possiamo provare con carte alla mano, le “gravi inadempienze”?
don gianni citroNon vorrei che per motivi personali, per differenti vedute politiche o per altre convenienze si voglia penalizzare la mia popolazione.
L’amministrazione da me presieduta ha sempre sostenuto il Meeting del Mare ed in particolare negli ultimi due anni ha posto in essere anche azioni forti a difesa della manifestazione.
Ricordo solo alcuni episodi: ad esempio, quando siamo usciti dalla rete “Viviamo Cilento”, organizzata insieme ai tutti i comuni del Gruppo di Azione costiera del Cilento,perchè c’era una sovrapposizione di concerti e di serate che noi non abbiamo accettato nell’interesse esclusivo dell’evento.
Oppure quando, lo scorso anno, il vostro sindaco, consapevole dell’importanza del Meeting,è stato decine e decine di volte, insieme a Don Gianni Citro e, a volte, da solo, alla regione Campania per ottenere il finanziamento.
Su una cosa voglio essere chiaro: “Il Meeting del Mare appartiene al territorio di Camerota e alla sua comunità, perchè è cresciuto con il sostegno di tutto il territorio, dei giovani, degli imprenditori, dei commercianti e di tutte le amministrazioni che si sono succedute nel tempo in questi venti anni.
Cari concittadini, questa è la verità: non ci sono scuse, non possono esserci, perchè non esistono.
Forse la verità va ricercata nella volontà di Don Gianni Citro di arrecare un danno ai suoi parrocchiani, ai suoi giovani,agli imprenditori che lo hanno sempre sostenuto, a questa terra che merita rispetto e non può essere merce di scambio per “interessi” che a noi si, risultano “oscuri e misteriosi”.
Nella mia qualità di sindaco di Camerota, difenderò il Meeting in tutte le sedi, e con ogni mezzo, insieme alla popolazione.
Sono disponibile, come sempre, ad un pubblico confronto per trovare un punto di incontro affinchè il Meeting resti nella sua sede naturale: MARINA DI CAMEROTA!

Il vostro Sindaco
Antonio Romano

INTERVISTA DEL SINDACO  E DEL PRETE  A SET TV

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.