AGROPOLI

CAPACCIO PAESTUM HOTEL MERIDIANA ASSALITO DAI LADRI

IMG_1874.JPG
CAPACCIO PAESTUM. Saccheggiato dai ladri il noto hotel Meridiana di Capaccio Paestum, sito nella contrada marittima della Laura e di proprietà dell’arch. Pino Greco, presidente del Consorzio albergatori “Paestum In”. Il colpo è stato messo a segno la notte tra venerdì e sabato scorsi: i malfattori, approfittando probabilmente del forte vento utile a confondere eventuali rumori, si sono introdotti nella struttura ricettiva passando dal retro, dopo aver scavalcato la recinzione del giardino attrezzato che circonda una delle piscine. Dopo aver trafugato i televisori da due dependance e perfino alcuni accessori da bagno custoditi in un adiacente deposito, i malviventi hanno poi attraversato un’intera sala adibita a cerimonie, puntando direttamente all’ufficio personale dell’arch. Greco. Dopo averne forzato la porta, i ladri hanno messo a soqquadro sia l’anticamera che l’intera stanza, rovistando dappertutto fino a trovare il malloppo giusto: rubate, infatti, una decina di costose penne stilografiche Montblanc ed una serie di antichi orologi Zenit (custoditi in una valigetta 24h lasciata per terra), tutti pezzi pregiati e da collezione, oltre a tre telefonini, un pc portatile ed un computer Apple. Un bottino che, complessivamente, ammonta a circa 25mila euro, oltre al danno affettivo causato dalla perdita di oggetti ricordo di valore (nelle foto). I malviventi si sono preoccupati di portare via anche le cassette di registrazione dell’impianto di videosorveglianza di cui è dotato l’albergo. Ad interrompere l’azione criminale, il sopraggiungere del custode, il cui giro di perlustrazione ha messo in fuga la banda, composta almeno da cinque persone, una delle quali attenta a fare il ‘palo’ ed agevolare la fuga, avvenuta sempre dal retro. Sull’episodio indagano ora i carabinieri della Stazione di Capaccio Scalo, diretti dal l.te Serafino Palumbo, che hanno raccolto la denuncia del titolare ed eseguito tutti i riscontri del caso sul posto. “Ormai la contrada Laura è diventata terra di nessuno – commenta laconicamente l’arch. Greco a StileTV – con decine di extracomunitari che vagano per le strade, a piedi e in bici, accalcandosi nei bar e alloggiando spesso in fatiscenti accampamenti o stabili abbandonati lungo la fascia costiera e la pineta; non possiamo più andare avanti così, e soprattutto così non si può fare turismo, non possiamo garantire sicurezza a chi viene a trascorrere una vacanza o un weekend a Capaccio Paestum; pensi – conclude con amarezza – ho dovuto bloccare perfino l’accesso alla rete wi-fi dell’hotel, poiché mi ritrovavo davanti all’ingresso e dall’altra parte della strada, per ore, decine di extracomunitari sconosciuti, e senza fissa dimora, alla ricerca di una connessione internet gratis per il telefonino, soprattutto di notte. Bisogna prendere dei provvedimenti urgenti, le forze dell’ordine fanno quello che possono, ma non c’è controllo sufficiente”. -FONTE STILLETV