AGROPOLI

CAPACCIO PAESTUM, IL SINDACO VOZA CHIAMA RENZI PER IL NO ALLA CENTRALE BIOMASSE

voza
Il sindaco di Capaccio Paestum  Voza in un recente incontro con il ministro Dario Franceschini

Prosegue l’attività dell’amministrazione comunale per contrastare la costruzione della centrale a biomasse a Capaccio. Il sindaco Italo Voza ha inviato una richiesta al Dipartimento coordinamento amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Dipartimento 51 della Regione Campania (inviata per conoscenza anche al premier Matteo Renzi, al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e al suo vice Fulvio Bonavitacola) in cui viene sottolineato il parere dell’Istituto Superiore di Sanità, che sugli impatti del progetto si è espresso in maniera generica paventando possibili conseguenze sulla salute connesse alla realizzazione e all’esercizio dell’impianto.Nella richiesta viene, poi, citato un recente protocollo d’intesa, datato 4 gennaio 2016, siglato tra Ministero dell’Ambiente, Anci e Conferenza delle Regioni, per la riduzione dell’emissione di polveri sottili e anidride carbonica, con impegno diretto e cogente a ridurre da subito le pm10 e porre un tetto anche alle pm2,5 (polveri atmosferiche). Inoltre nel documento si ricorda che attualmente la disponibilità degli immobili su cui dovrebbe sorgere l’impianto in agro di Capaccio è gravata da indisponibilità a favore dell’ente comunale in forza di una lottizzazione abusiva di terreni a scopo edificatorio. «Sulla base di ciò dichiara il sindaco Italo Voza ho chiesto alle Istituzioni preposte l’immediata attivazione di un’istruttoria supplementare e diffidato le medesime, in assenza dell’esperimento di quanto richiesto e delle conseguenti determinazioni, dall’adottare qualunque atto teso alla definitiva finalizzazione dell’iter burocratico di realizzazione dell’impianto. Chiaramente mi sono mosso anche sul piano dei rapporti politici.Il presidente De Luca e il suo vice Bonavitacola, anche per effetto della vasta eco che ha avuto la forte protesta della cittadinanza, mi hanno confermato di avere preso coscienza del problema e che valuteranno con molta attenzione il da farsi».Intanto il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano, ha presentato un’interrogazione al governatore De Luca e al suo vice Bonavitacola, che ha la delega all’Ambiente, per chiedere quali sono le iniziative che la Regione Campania metterà in campo per contrastare la costruzione della centrale a biomasse a Capaccio Paestum. «Non si può ignorare la voce delle tante associazioni e dei tanti cittadini che sabato mattina hanno manifestato per la loro salute, la loro terra, il loro patrimonio storico e culturale. – afferma Cammarano – La costruzione di una centrale a biomasse a Capaccio Paestum darebbe il colpo di grazia a settori fondamentali per l’economia del territorio.La Giunta regionale con chiarezza, trasparenza e convinzione deve contrastare lo scellerato progetto e garantire in quei territori tutte le produzioni agroalimentari di elevata qualità e centri di assoluta eccellenza legati alla filiera lattiero casearia ed alla produzione di mozzarella di bufala campana Dop».Dopo la manifestazione di sabato scorso politici e cittadini hanno chiesto soprattutto l’intervento della Regione, affinché intervenga per bloccare la costruzione dell’impianto che la società Biocogein intende realizzare in località Sorvella-Sabatella.Paola Desiderio

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.