AGROPOLI

CAPACCIO PAESTUM,22 AVVISI DI GARANZIA PER LA MORTE DI LUIGI RICCO I NOMI

luigi riccoIn attesa dell´esame autoptico, e fissare la data dei funerali del povero Luigi Ricco, il ragazzo capaccese deceduto in seguito ad un banale incidente con il suo motorino, la Procura della Repubblica di Salerno ha emesso 22 avvisi di garanzia, per il reato di omicidio colposo, tra gli indagati per il momento non c´è nessun iscritto della ditta Amalfitana Gas, concessionaria dei lavori di metanizzazione, ne ditte che hanno avuto il subappalto.La Procura della Repubblica di Salerno ha notificato un avviso di garanzia nei confronti di 22 persone, per il reato di omicidio colposo (art. 589 c.p.), in relazione al decesso del 31enne Luigi Ricco (nella foto), avvenuto presso l’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona” di Salerno, dov’era ricoverato a seguito delle gravi lesioni riportate nel sinistro stradale avvenuto il 10 marzo scorso in Piazza Tempone, a Capaccio Capoluogo, dove il giovane era finito con lo scooter in una buca sull’asfalto scavata per interrare la rete del metano. Questi i nomi delle persone al momento indagate nell’ambito del procedimento penale, nello specifico medici, anestesisti e sanitari che hanno assistito il 31enne durante il primo ricovero, presso l’ospedale civile di Roccadaspide e, successivamente, al nosocomio “Ruggi” di Salerno: Domenico Sofia, Romualdo Cirillo, Mario Palumbo, Nicola Tino, Luigi Martucci, Luigi Pandolfo, Massimiliano Tedesco, Massimo Caso, Giangiuseppe Peduto, Elisa Carannante, Lorenzo Cuomo, Renato Gammaldi, Dante Mauro Lo Pardo, Angela Petraglia, Stanislao Perciato, Luciano Brigante, Giuseppe Calicchio, Antonia Pagano, Vittorio Caterino, Gaetano De Angelis, Carmela Policastro e l’ing. Carmine Greco, responsabile apicale dell’Area IV del Comune di Capaccio e responsabile unico del procedimento.
Al momento, non risultano indagati titolari, direttori dei lavori, direttori tecnici e responsabili della sicurezza dell’Amalfitana Gas, concessionaria dei lavori per la metanizzazione, né delle ditte esecutrici dei lavori e dei subappalti.Il sostituto procuratore Vittorio Santoro, titolare dell’indagine, dovendo procedere con urgenza ad accertamento tecnico non ripetibile, ha nominato il dott. Giovanni Zotti come consulente tecnico per l’esame autoptico sulla salma del giovane: l’incarico per le operazioni peritali sarà conferito il 25 marzo prossimo. La famiglia Ricco ha nominato un perito di parte, il medico legale Sandra Cornetta, che sarà presente all’autopsia. Ad eseguire tutti i rilievi del caso sul luogo del sinistro, con il sequestro dello scooter, i carabinieri della Compagnia di Agropoli, agl’ordini del ten. Francesco Manna.FONTE STILE TV

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.