AGROPOLI

CAPACCIO PAESTUM,BAMBINA PUNTA DA UN AGO SULLA SPIAGGIA ALLA LINORA

Foto-agoCapaccio. Bimba di sei anni si punge al piede con l’ago sporco ( nella foto)  di un catetere abbandonato sulla spiaggia. La mamma annuncia che procederà con una denuncia. Il fatto si è verificato lungo il tratto di arenile in località Linora.Fra un paio di mesi la piccola, che ha riportato una lesione puntiforme,   dovrà essere sottoposta a controlli per escludere il rischio di possibili infezioni. A raccontare la vicenda è la mammaAssunta Cipullo. “Ci siamo recati a mare per trascorrere una giornata in tranquillità, dopo aver parcheggiato la macchina abbiamo raggiunto la spiaggia libera della Linora – racconta la signoraAssunta – mia figlia era sulla battigia all’improvviso l’ho sentita urlare”. La bambina ha provato un dolore lancinante: essendo l’ago di un catetere era più doppio. L’ago per oltre meta della sua lunghezza (circa sette centimetri) si è conficcato nel piede. “Pensavo fosse stata punta da un pesce velenoso come una razza – racconta la mamma – in realtà aveva l’ago conficcato nel piede. Nell’immediatezza è stata soccorsa da una dottoressa che si trovava sulla spiaggia poi siamo andati alla postazione Psaut di Capaccio scalo e da qui al pronto soccorso dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania che ha contattato il centro antiveleno. Ora chiaramente siamo preoccupati che nostra figlia  possa aver preso un’infezione”. L’ago era nascosto sotto spiaggia sulla battigia. ” Ritengo doveroso – evidenzia la signora Assunta – denunciare l’accaduto, non voglio puntare l’indice contro nessuno ma non è concepibile che si possa rimanere vittima della puntura di un ago. Ma poi mi chiedo come è possibile che sulla spiaggia sia stato abbandonato un ago per catetere. Chiedo che ci sia maggiore attenzione per la pulizia delle spiagge affinchè simili episodi non si verifichino più soprattutto in un territorio come il nostro ad alta valenza turistica e che quest’anno ha conquistato anche la bandiera blu. Ora  viviamo con il pensiero che a nostra figlia possa essere stata trasmessa qualche malattia”.Angela Sabetta(vocedistrada.it)

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.