AGROPOLI

CAPACCIO PAESTUM,MARTA SANTORO ROMPE IL SILENZIO: “SONO VITTIMA DI UNO STALKING MEDIATICO”

Marta Santoro
Marta Santoro

Marta Santoro rompe il silenzio  e dopo tempo,attraverso un comunicato mandato agli organi di stampa,ribatte alle ultime notizie apparse ritenute dall’ex sovrintendente della forestale di Foce Sele fuorvianti e non in sintonia a fatti realmente avvenuti. Queste le parole della signora Santoro:”Preliminarmente mi corre l’obbligo di contestare l’impostazione mediatica che, oserei definire stalkizzante, di alcuni organi d’informazione che in violazione dei più elementari principi deontologici del giornalismo nonché del costituzionale principio della presunzione d’innocenza e dell’’umanitario diritto all’’oblio, continuano a propinare all’opinione pubblica notizie non attinenti e fuorvianti al solo scopo di continuare nella continua opera di manipolazione mediatica dei fatti tanto da fargli assumere oramai i caratteri di una patetica telenovelas. Rammento quindi che per ciò che attiene ai fatti pregressi, risalenti all’’anno 2012, di cui vi è condanna in primo grado, pende appello in secondo grado di giudizio sottolineando che questi nulla hanno a che vedere con i fatti in questione.Detto questo, in merito ai fatti di cui è procedimento per una presunta calunnia, mi sento di affermare con la opportuna serenità d’animo che ho profondo rispetto sia dell’operato del Pubblico Ministero sia della decisione del GIP, poiché ritengo che, fornendo il dibattimento la possibilità di entrare in modo più approfondito nel merito della vicenda, esso costituirà l’occasione idonea per dimostrare, attraverso il mio legale Avv. Michele Sarno, che non vi è stata nessuna calunnia da parte mia, avendo io riferito fatti riportati in esposti pervenuti al Comando Stazione e oggetto di una indagine della Procura della Repubblica di Salerno nonché di una commissione d’indagine nominata dal Comune di Capaccio, il tutto debitamente documentato. Inoltre, l’occasione sarà propizia per sviscerare compiutamente la vicenda che ha portato al rilascio dell’’autorizzazione commerciale al Supermercato Eurospin atteso che vi è agli atti dei procedimenti suddetti una perizia tecnica a firma di un consulente tecnico nominato dallo stesso comune di Capaccio con cui nel 2009 si sancisce l’illegittimità della licenza commerciale e urbanistica rilasciata.”

 

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.