AGROPOLI

CARABINIERI DI AGROPOLI HANNO ARRESTATO 3 RUMENI PER FAVOREGGIAMENTO DELLA PROSTITUZIONE E POSSESSO DI MATERIALE PEDO-PORNOGRAFICO

AGROPOLI CASERMA DEI CARABINIERIGiffoni Sei Casali. Il 10 novembre 2015, a Giffoni sei Casali (SA), i Carabinieri della Compagnia di Agropoli hanno eseguito una misura cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Salernonei confronti di tre persone (due uomini e una donna, tutti di nazionalità rumena) domiciliate in quel Comune, ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di sottrazione di minore aggravata, violenza privata, induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, pornografia minorile, violenza sessuale nei confronti di minore e detenzione di materiale pedo-pornografico. Le investigazioni, avviate nel marzo 2015 e condotte dai militari del NOR della Compagnia di Agropoli con metodi tradizionali supportati da attività tecniche, hanno consentito di documentare che in più occasioni gli indagati avevano prelevato – solitamente nottetempo e mediante un forte condizionamento psicologico, evidenziato anche in sede di audizione protetta della ragazza, eseguita alla presenza del PM titolare delle indagini e di un qualificato supporto psicologico – una connazionale minorenne dalla comunità in cui dimorava perché affidata dal Tribunale per i Minorenni di Salerno,per condurla in un’abitazione di Giffoni Sei Casali (SA), dove la costringevano a prostituirsi. Nel corso dell’attività investigativa, i Carabinieri hanno accertato che uno degli indagati, per indurre la ragazza a prostituirsi, aveva stabilito un contatto telefonico tra la stessa e gli altri due destinatari della misura odierna, per consentire loro di accordarsi sulle modalità di incontro e sul prezzo da pattuire. Gli stessi indagati, durante il rapporto sessuale, erano soliti scattare diverse foto della minore, motivo per il quale sono stati ritenuti responsabili anche di detenzione di materiale pedo-pornografico. Nel corso delle operazioni sono state eseguite diverse perquisizioni domiciliari e locali, anche a carico di altre quattro persone, indagate per i medesimi reati.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.