AGROPOLI

CASTELLABBATE,OPPOSIZIONE ALL’ATTACCO DELLA SCADENTE GIUNTA GUIDATA DA SPINELLI

20140711-171512-62112960.jpg
CASTELLABATE. Il disagio si avverte nell’aria.L’amministrazione di Castellabate guidata da Fratelli d’Italia e dal sindaco Spinelli ormai è alla frutta.Il disappunto  si avverte in tutto il comune,dal paese alle frazioni marine.Ora all’attacco ci va l’opposizione. In una nota si legge: ” I consiglieri comunali di minoranza del Comune di Castellabate, Marco Rizzo e Costabile Maurano, comunicano la sintesi della dichiarazione fatta dagli stessi nella seduta del Consiglio comunale del 28 giugno 2014 e sottoscritta anche dai consiglieri Alessandro Lo Schiavo e Marco Di Biasi.
Il rendiconto 2013 del Comune di Castellabate, approvato dal sindaco Spinelli e dalla sua maggioranza nella seduta del Consiglio del 28 giugno 2014, non rappresenta in modo chiaro, veritiero e corretto, la situazione economica e patrimoniale ed i flussi finanziari dell’Ente. Dai documenti fornitici dall’ufficio ragioneria del Comune ed in base ai calcoli effettuati, risulta la situazione che segue:
1. Disavanzo di amministrazione di € 744.367,98, e non avanzo di € 1.128.705,25 come votato dal sindaco e dalla sua maggioranza;
2. Sforamento del patto di stabilità per € 468.824,42 (la maggioranza ha votato invece il rispetto del patto di stabilità per l’importo di € 170.000,00). In merito a ciò si precisa che non è stata data la possibilità ai consiglieri di minoranza di controllare spese per € 1.744.000,00 (pagamenti DL 35/2013).
3. La maggioranza non ha applicato, nell’anno 2013, le sanzioni per il mancato rispetto del patto di stabilità 2012 (divieto di fare mutui, divieto di fare assunzioni di personale a qualsiasi titolo etc.);
4. debiti da spese correnti anni 2011-2012-2013 per € 8.561.067,20;
5. L’amministrazione ha utilizzato la somma vincolata di € 1.431.481,06 del Piano di zona S/7 per pagare debiti per spese correnti del Comune;

L’ente non avendo adottato veritieri provvedimenti di riequilibrio previsti dall’art. 193 del D.Lgs 267/2000 e la mancata adozione veritiera è equiparata ad ogni effetto alla non approvazione del bilancio di previsione di cui all’art.141 del D.Lgs 267/2000 con applicazione prevista dal comma 2 dello stesso articolo.
“Pertanto, visto che il Consiglio Comunale di Castellabate sta compiendo atti contrari alla Costituzione e gravi e persistenti violazioni di legge, i sottoscritti consiglieri comunali di minoranza chiedono che il presente atto deliberativo, unitamente a tutta la documentazione allegata, venga inviata al Prefetto di Salerno ed al Ministero dell’Interno per lo scioglimento del Consiglio Comunale al fine di non arrecare danni gravissimi e irreparabili all’intera popolazione del Comune di Castellabate. In merito alle dichiarazioni fatte alla stampa dal sindaco Spinelli il 3 luglio, egli dimentica che ha incassato la somma di 2.800.000,00 euro dall’IMU (ex ICI) pagata dai cittadini avendo applicato una aliquota altissima con un aumento di gettito di circa 1 milione di euro. Inoltre ha sostenuto la “regolarità” e “rigorosità” dei conti quando, da dati a noi forniti e a disposizione di tutti i cittadini che volessero verificare, risulta la presenza di 8.561.067,20 euro di debito contratti negli anni 2011, 2012 e 2013. Ciò è dimostrato dalle sollecitazioni quotidiane presso la casa comunale dei tanti creditori”.La situazione amministrativa dunque è molto in bilico,dal punto di vista politico la maggioranza tiene ma l’amministrazione nel comune ormai perde consensi giorno dopo giorno.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.