AGROPOLI

DA DIFENSORE A DOCENTE UNIVERSITARIO:LA NUOVA VITA DI STENDARDO:”IL CALCIO E’ SOLO UNA PARENTESI”

Appena risponde al telefono si intuisce l’importanza del suo nuovo ruolo: “Sì pronto, sono l’avvocato Stendardo”. Tra i tanti impegni che ha durante la giornata è difficile trovare un momento libero per chiamarlo: “Ora ho un po’ di tempo, stavo giusto entrando in aula, tra poco inizio la lezione”. Un attimo di silenzio, poi spiega: “Sì, ora sono un docente universitario di Diritto dello Sport, affianco il professore Lubrano alla Luiss”.

Guglielmo Stendardo è un uomo nuovo, ma la sua vita è rimasta in difesa. Prima sui campi da calcio, ora nel ruolo di avvocato a tutela dei diritti dei calciatori: “La parte accademica è una parantesi che ti può dare molto, perché è un piacere trasmettere agli altri quello che hai appreso negli anni – Analizza Stendardo ai microfoni di Gianlucadimarzio.com Mail mio obiettivo è quello di tutelare i diritti del calciatore a 360 gradi, perché ho vissuto la vita dello spogliatoio e so cosa significa. Sono giovane ed ho ancora molto da imparare”.

Per anni si è diviso tra campo e libri e come lui tanti suoi colleghi (leggi QUI), per rincorrere una laurea in giurisprudenza arrivata ai tempi della Lazio: “Ho iniziato a studiare a Genova, poi ho dovuto interrompere e ho ripreso a Roma fino a laurearmi”. Ma la sua sete di cultura parte da molto più lontano: “Già a 7 anni mio padre ci teneva molto che io studiassi, mi ha fatto capire la precarietà del mondo del calcio. I calciatori sono fortunati perché fanno il lavoro che amano. Ma il calcio è una breve parentesi, poi la vita continua e bisogna farsi trovare pronti”.

Ha sempre avuto le idee chiare Stendardo, diventato avvocato nel 2014. Ma non gli piace essere definito ‘speciale’: “Non credo di aver fatto nulla di eccezionale, ho fatto quello che dovrebbe fare ogni ragazzo. Cioè studiare, apprendere e formarsi”.

Non sempre tutto questo riesce nel mondo del calcio, ma proprio ieri un altro calciatore in attività si è unito al club dei laureati. Una tesi in diritti tv e tanti sacrifici: così Christian Puggioni è diventato Dottore: “Il calcio è un mondo particolare: il business supera qualsiasi valore – continua Stendardo – ma la conoscenza è fondamentale, attraverso lo studio si può crescere in ogni aspetto. E’ un peccato che nel calcio non si dia molta importanza alla conoscenza, perché è un mondo che potrebbe veicolare valori edificanti”.

Eppure nel corso della sua carriera Stendardo ha incontrato diversi giocatori che avevano voglia di studiare, apprendere, crescere: “Hernanes per esempio era molto curioso. Così come anche Nedevd e Chiellini, con cui mi confronto spesso su quest’aspetto”. Parlerebbe ancora Stendardo, di cultura, del suo nuovo mondo. Ma il tempo passa e la lezione sta per iniziareMeglio lasciarlo al suo nuovo ruolo di docente universitario.Giacomo Chiuchiolo

ARTICOLO PUBBLICATO DAL SITO WWW.GIANLUCADIMARZIO.COM

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.