AGROPOLI

DA MARINA DI CAMEROTA A SAPRI NOTTE INFERNALE 

E’ stato registrato intorno alle 19.30  di ieri un vasto incendio che coinvolge la zona della Mingardina. Dalla strada provinciale 562 le fiamme stanno divorando la macchia Mediterranea. Il costone roccioso che sovrasta una delle arterie più importanti del Cilento, soprattutto nel periodo estivo, è messo a dura prova. A soli tre giorni di distanza dall’altro incendio, la zona è di nuovo interessata. Come nel primo caso – secondo gli inquirenti – anche qui si tratterebbe di dolo. Piromani scatenati, dunque. E agosto è ancora lontano.Dei fatti è stato informato il sindaco di Camerota, Mario Scarpitta. Diverse le chiamate al centralino dei vigili del fuoco. Di notte, purtroppo, non si può fare molto. Bisognerà aspettare le prime luci dell’alba. Le fiamme sono alte e sono visibili a chilometri di distanza. L’incendio potrebbe prolungare i tempi di riapertura della Mingardina, strada chiusa dalla Provincia giovedì scorso. La Mingardina collega due delle località più frequentate del Sud Italia, Palinuro e Camerota, con la strada provinciale 430 Cilentana. L’incendio del 13 luglio provocò anche la caduta di alcuni massi. Sul posto  presenti i carabinieri della compagnia di Sapri, i vigili del fuoco del distaccamento di Policastro Bussentino e due ambulanze. Alcune abitazioni sono state addirittura evacuate. L’incendio assume proporzioni sempre più grandi. Un spettacolo spaventoso agli occhi di soccorritori e turisti.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.