AGROPOLI

DE LUCA PARTE CON L’APPOGGIO DI RENZI

 

de luca renzi 1SALERNO. Decreto di Renzi o no, De Luca potrebbe avere comunque il tempo di presentare giunta e vice presidente. Secondo quanto si apprende il presidente della Campania può avere circa 20 giorni prima della sospensione. Un dato, questo, che non risulta solo dai precedenti: Giuseppe Scopelliti, ad esempio, fu sospeso 25 giorni dopo la trasmissione al governo della sentenza di condanna da parte del prefetto. I 15-20 giorni sono il frutto del combinato disposto tra legge Severino e statuto regionale della Campania, il complesso normativo, cioè che farà da base alla decisione. L’orientamento dell’esecutivo è di fare il più velocemente possibile, nel rispetto ovviamente delle leggi. Ma sarebbe la Severino ad escludere che il provvedimento di sospensione possa essere notificato prima ancora dell’insediamento del consiglio regionale. Pare infatti che la sospensione deve essere notificata al presidente del consiglio.Il nuovo governatore non era presente alla lettura del verbale da parte dei magistrati della Corte d’Appello di Napoli. Annotazioni da parte di M5S e Sel, twitter dell’uscente CaldoroIl prefetto di Napoli, recita la norma, ricevuto il provvedimento firmato da Renzi, lo notifica «al consiglio regionale per l’adozione dei conseguenti adempimenti di legge». Il consiglio regionale, in base allo statuto (art. 35, 1) «si riunisce in prima seduta entro il 15 esimo giorno successivo alla proclamazione degli eletti su convocazione del presidente della regione». Gli eletti al consiglio regionale, pare dovrebbero essere proclamati tra martedì e giovedì. In base a questo primo timing, De Luca ha tempo fino al 10 di luglio per convocare il consiglio regionale. Prima di allora non potrà intervenire la sospensione, anche se il Consiglio dei Ministri l’avesse deliberata.Fino a quel momento, De Luca, anche se proclamato governatore, non metterà piede a Palazzo Santa Lucia perché ogni suo atto potrebbe essere nullo. Intascando la “sospensiva della sospensiva” invece potrebbe nominare vice, assessori e presidente. Certo, suggerisce qualcuno, «anche in quel caso gli atti potrebbero essere impugnati» ma è più difficile che accada. E in ogni caso, come già accaduto al Comune, ogni delibera nel periodo transitorio, si guarderà bene dal firmarla. Alla fine molto dipenderà dalla conduzione dei lavori del “primo giorno di scuola” e nessuno vieta il fatto che alla prima seduta possa comunicare la giunta insieme alle linee programmatiche.

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.