AGROPOLI

DOPO PALINURO ANCHE AD AGROPOLI LE TRUFFE DELLE CASE VACANZA

AGROPOLI DALL'ALTO 1Turisti provenienti da Napoli, Cuneo e Tunisia pagano 200 euro per un affitto in una casa vacanza ma è una truffa online. E’ accaduto ad Agropoli dove era stato prenotato l’appartamento  abitato da una famiglia del posto. << Mi hanno bombardato di citofonate – racconta M.C. proprietaria della falsa casa vacanza – nella truffa online c’è andato di mezzo il mio numero civico. A tutti sto dicendo che  il mio appartamento non si fitta. Della vicenda ho informato anche i carabinieri.Una situazione che mi sta creando enormi disagi>>.M.C. non è l’unica, il cui indirizzo è finito nella rete di questi truffatori via internet. Casi simili si sono verificati anche in altre località del Cilento come a Palinuro. Gli annunci sono apparsi su diversi siti on line e sono piuttosto invitanti: appartamenti con tre stanze in pieno centro a Palinuro, nelle vicinanze della nota piazzetta, al modico costo di 300 euro per una settimana. Ad Agropoli era possibile fittaread un prezzo ancora più basso appena 200 europer una settimana di agosto. Tutte le vittime hannorisposto ad un noto sito di annunci, Subito.it, dove i truffatori postano l’annuncio con le foto di abitazioni che non corrispondono agli indirizzi  presi a caso. I privati vedono l’annuncio sul sito che, nella stragrande maggioranza, è molto conveniente con case vacanza situate a poca distanza dal mare e con affitti vantaggiosi. A quel punto, l’autoredell’annuncio chiede una caparra. I turisti versano il denaro per l’affitto sul conto corrente del truffatore, e raggiungono la località scelta. Una volta arrivati, come è successo per la casa vacanza di Agropoli,  scoprono che  è  abitata. Unica scelta possibile procedere con una denuncia con la speranza di recuperare almeno i soldi della caparra considerato che la vacanza è stata rovinata. Si tratta di una delle truffe più comuni, che si stanno registrando in questi ultimi anni. In alcuni casi, gli annunci hanno riguardato anche case all’estero con la perdita per le vittime di migliaia di euro. In tutti i falsi annunci le foto della casa sono rubate da altri siti, il telefono fornito è un cellulare, il truffatore fornisce un nome di fantasia, ma soprattutto la casa ha un prezzo incredibilmente basso rispetto sia al mercato immobiliare sia al periodo di vacanza. Le associazioni di categoria a tutela dei consumatori consigliano che per evitare raggiri  è opportuno avere la certezza di conoscere il proprio interlocutore magari lanciando domande sulla località o sullo stato dell’immobile, da farsi a più riprese, per avere la certezza che non cada in errore, oltre ad un confronto dei prezzi garantiti dal mercato, per mettersi al riparo da spiacevoli conseguenze.Angela Sabetta