AGROPOLI

DROGA EBOLI CAPACCIO OPERAZIONE DOPPIA X SCONTO DI PENA SOLO PER MASSIMO ESPOSITO

20140606-142137-51697234.jpgEBOLI-CAPACCIO. Confermate in Appello le condanne emesse in primo grado per 8 dei nove imputati coinvolti nell’operazione antidroga denominata “Doppia X”, effettuata dai finanzieri di Eboli nel 2011, che ha permesso di sgominare un’organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti nel centro storico di Eboli e nella Piana del Sele. Il procuratore generale aveva chiesto la conferma delle pene e delle attenuanti generiche per tutti gli imputati, tranne che per Massimo Albano. Le condanne di primo grado arrivarono nell’ottobre del 2012 con rito abbreviato; ieri pomeriggio, i giudici della Corte d’Appello hanno confermato tutte le pene, con l’unica eccezione per Massimo Esposito: pena ridotta da 14 a 10 anni per l’ebolitano, detto “capachiena”, ritenuto il leader dell’organizzazione criminale. Confermate le altre condanne: 7 anni di reclusione all’ebolitano Luigi Marotta e al capaccese Giuseppe Esposito; 6 anni e 10 mesi per l’ebolitano Marco Di Palma; 5 anni e 2 mesi per Gaetano Greco Iorio, di Eboli; mentre gli ebolitani Arturo Marra e Antonio D’Amore, insieme a Giuseppe Protopapa di Campagna, sono stati condannati a 4 anni e 8 mesi; 3 anni e 2 mesi invece per Massimo Albano,sempre di Eboli, per il quale è stata richiesta una riduzione di pena. Le indagini dei finanzieri, partite nel 2010, sono durate un anno e culminate con il blitz messo a segno nel luglio del 2011 dalla Guardia di Finanza. Le fiamme gialle sono riuscite a ricostruire l’organigramma del sodalizio criminale e i traffici di droga effettuati, tra il 2005 e il 2009, nella Piana del Sele. L’operazione ha portato all’arresto di 10 persone e al sequestro di oltre 10 chili di hashish e 30mila euro in contanti.Fonte Stiletv