AGROPOLI

EBOLI, CLAN MAIALE CONFISCA DEI BENI AD UN NOTO IMPRENDITORE

dia_casalesi-250x170I Carabinieri del ROS insieme con il personale del Comando Provinciale di Salerno in mattinata ad Eboli hanno datoesecuzione ad un decreto di confiscaemesso il 10 novembre scorso dal Tribunale di Salerno, ai sensi della normativa antimafia in materia di misure di prevenzione in accoglimento di proposta avanzata dalla Procura della Repubblica nei confronti di Giovanni Stabile, 62enne nato a Salerno e soprannominato “big ben” al quale sono state notificate la misura di prevenzione della sorveglianza speciale per 2 anni con obbligo di soggiorno nel Comune di Battipaglia e la misura patrimoniale della confisca di un terreno e di una lussuosa villa siti ad Eboli in località Boscariello per un valore complessivo di circa 1 milione di euro.L’uomo è stato indicato da numerosi collaboratori di giustizia come uno dei soggetti attraverso i quali il clan camorristico “Maiale” operante proprio ad Eboli, riciclava i proventi tratti dalle sue numerose attività illecite. Risorse che venivano tra l’altro investite in varie attività commerciali gestite dal 62enne tra la Campania, il Molise e la Basilicata tutte negli anni cessate o fallite con conseguenti procedimenti avviati nei suoi confronti in tutta Italia per i reati di bancarotta fraudolenta, truffa ed altro.L’attività che ha portato all’emissione del provvedimento di confisca, si inquadra in una più ampia azione di contrasto patrimoniale alle infiltrazioni della criminalità organizzata di matrice camorristica nella provincia di Salerno da tempo intrapresa dal ROS – Sezione Anticrimine Carabinieri di Salerno come sviluppo dell’attività investigativa convenzionalmente denominata “California” e che ha portato sino ad oggi, dopo la conclusione del relativo processo, al sequestro ed alla confisca di beni mobili ed immobili di un valore complessivo di oltre 20 milioni di euro.

Comunicato Ufficiale dei Carabinieri