AGROPOLI

EBOLI,RIPARTE LA CAMPAGNA ELETTORALE IL BALLOTTAGGIO TRA CARIELLO E CUOMO INFIAMMA LA PIANA DEL SELE

CUOMO CARIELLOIl tempo di un brindisi, di un aperitivo davanti al bar ed è ripartita la campagna elettorale. Massimo Cariello è in fuga, con 2.300 voti di vantaggio su Antonio Cuomo che lo rincorre, sperando in un ribaltone nelle urne. Da una sezione all’altra sono riprese le riunioni, le discussioni sulle strategie. Fino al 14 giugno i due candidati a sindaco si daranno battaglia sul palco, nei confronti all’americana e nei quartieri della città. L’entusiasmo del centrodestra è evidente, nessuno si aspettava di arrivare al 40 per cento dei consensi. Il centrosinistra spera di recuperare il distacco al primo turno confidando nell’entusiasmo per la vittoria di De Luca alla Regione Campania. Sugli apparentamenti nessuno si è ancora espresso. Del resto, dopo gli scambi di accuse tra molti candidati a sindaco, sembra senza dubbio incoerente siglare accordi in vista del ballottaggio. Intanto si moltiplicano i commenti sui dati elettorali. Il Pd perde voti ma resta il primo partito in città. Le liste civiche trionfano nel centrodestra e cambiano il volto del prossimo consiglio comunale. Per la prima volta tre donne entreranno in consiglio comunale: Filomena Rosamilia (centrodestra), Teresa Di Candia e Rosa Altieri (centrosinistra). La quarta quota rosa è Cosimina Cennano (centrodestra) ma dovrà aspettare l’esito del ballottaggio. Il consigliere comunale più votato è Antonio Petrone (Pd) con 522 voti. Il genero di Cosimo De Vita, patron dell’Elaion, insieme con Teresa Di Candia (484 voti), ha costituito l’abbinamento più votato (1.006 voti). Il derby tra i due vicesindaci di Melchionda lo vince Antonio Conte (326 voti) mentre Cosimo Cicia (235 voti) dovrà attendere l’esito del ballottaggio. Insieme al Pd si sono dimezzati i voti di Adolfo Lavorgna (230 preferenze). L’ex assessore al bilancio, così come il medico Mario Di Donato, tornerà in aula consiliare solo se vince Cuomo. Sicuri dell’esclusione sono i due ultimi capigruppo del Pd, Vincenzo Rotondo e Roberto Palladino. Nel centrosinistra ci sarà il passaggio di testimone tra i due fratelli Infante. Pierino ha lasciato il seggio a Pasquale che ha raccolto 404 voti. L’ex consigliere comunale e dirigente dell’Asis, Gino Cioffi, dovrà attendere il ballottaggio, così come Cosimo Brenga e Tommaso Maioriello. Si è riconfermato consigliere comunale, invece, l’infermiere Francesco Rizzo (190 voti). Molti volti nuovi, invece, nella squadra politica di Massimo Cariello. Cosimo Pio Di Benedetto (405 voti) e Giancarlo Presutto (217 voti) sono già stati consiglieri comunali. Nel Nuovo Psi Giuseppe Piegari (207 voti) dovrà attendere l’esito del ballottaggio. La sorpresa del primo turno è stata la lista civica Ascolto Cittadino che ha raccolto il maggior numero di voti a favore di Cariello. In consiglio comunale entreranno il dentista Gianmaria Sgritta (270 voti) ed Ennio Ginetti (238) già eletto cinque anni fa. Cosimina Cennamo e Luigi Guarracino, maresciallo della marina militare, conosceranno il loro futuro politico nella notte del 14 giugno. Il più votato nel centrodestra è stato Santo Venerando Fido, costruttore e già consigliere comunale con 447 voti. L’avvocato Fausto Vecchio e il medico Lazzaro Lenza saranno riconfermati solo se Cariello indosserà la fascia tricolore. Un ottimo risultato anche per la lista di Roberto Pansa che con la vittoria di Cariello conquisterà tre seggi: il dipendente Asl Roberto Grasso, l’avvocato Pierluigi Merola mentre è già consigliere comunale un altro legale, il giovane Carmine Busillo. Con i 2.400 voti di preferenza, Damiano Cardiello non ha coronato il sogno, forse precoce, di diventare sindaco ma tornerà nei banchi dell’opposizione. Accanto a lui sarà seduto, in caso di vittoria di Cariello, l’assicuratore Giuseppe La Brocca. Bocciata dagli elettori l’estrema sinistra dell’ex sindaco Rosania e quella più moderata di Salvatore Marisei. Stesso destino per Vincenzo Caputo. I Cinque Stelle, con Erasmo Venosi, faranno il loro ingresso in aula consiliare solo se Cariello vincerà al ballottaggio

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.