AGROPOLI SPORT

ECCELLENZA,FINALE REGIONALE AGROPOLI-AUDAX CERVINARA PARLA IL CAPITANO DEGLI IRPINI DIEGO ZERILLO

Agropoli-Cervinara parla Zerillo(Foto in alto a destra con Befi) a RdC: “Volevamo la doppietta, ora ci attende una gara difficile. Questo gruppo onorerà sempre la maglia”

CERVINARA (AV). Stagione particolare per l’Audax Cervinara, dopo la vittoria nella finale di Coppa Dilettanti Campania contro il Giugliano, gli irpini hanno affrontato un riassetto societario. Nonostante le vicissitudini extra campo, la squadra allenata da mister Iuliano ha sfiorato l’approdo diretto in Serie D, salvo poi doversi arrendere al San Tommaso.

NELLA TANA DEI DELFINI

Nel primo turno playoff il Cervinara ha sconfitto all’inglese il temibile Santa Maria Cilento, decisivi i sigilli di Befi e Itri nei minuti finali. Domenica pomeriggio gli irpini saranno di scena in quel di Agropoli, dove sfideranno la compagine locale per sancire chi parteciperà alla fase nazionale dei playoff d’Eccellenza.

PAROLA AL BOMBER

In vista di tale appuntamento la nostra redazione ha raggiunto l’esperto attaccante Diego Zerillo, col quale abbiamo analizzato l’avversario ed il percorso del Cervinara: “Senza dubbio il resoconto finora è positivo, abbiamo vinto la Coppa Italia e concluso il campionato al terzo posto, ma d’altro canto c’è un pizzico di rammarico per non aver centrato la doppietta col campionato. – ha esordito l’attaccante – Visto il distacco esiguo la Serie D diretta era a portata di mano, purtroppo nelle ultime quattro giornate di campionato non siamo stati fortunati in alcuni episodi. Col Castel San Giorgio, l’Eclanese e il Costa d’Amalfi, abbiamo espresso un buon calcio ma tra imprecisioni ed episodi non è andata come volevamo“.

Ph Cervinara, Zerillo Diego
Ph Cervinara, Zerillo Diego

ONORARE SEMPRE LA MAGLIA

Riassetto societario che in parte ha influito sulla testa dei calciatori: “Sappiamo tutti la situazione, inutile parlarne ulteriormente, io credo che seppur importante questo aspetto non deve inficiare sulle prestazioni in campo. Bisogna giocare sempre per vincere ed onorare la maglia che si indossa, noi giochiamo da tanti anni assieme e da questo punto di vista non abbiamo mai fatto mancare il nostro contributo. – precisa Zerillo – I risultati possono arrivare o meno, fa parte del gioco del calcio, ma quello che posso dire è che sia io che i miei compagni daremo sempre il massimo“.

ph Audax Cervinara
ph Audax Cervinara

UOMO PLAYOFF, AL TERZO TENTATIVO…

Tanta esperienza e campionati da vertice alle spalle, passano gli anni e non è mai facile né scontato raggiungere determinati obiettivi personali: “Hai detto bene, è sempre complicato fare stagioni importanti per vincere coppe e campionati. –precisa il bomber – Qui a Cervinara sono tre anni che centriamo i playoff, ricordiamo tutti la finale persa il primo anno per un gol contro la Folgore Selinunte e l’anno scorso abbiamo centrato i playoff poi persi col Nola. – racconta Zerillo – Oltre ai tre anni di Cervinara, con tre-quattro compagni di squadra questo è forse il settimo anno che centriamo i playoff, tra Torrecuso e Cervinara siamo sempre lì al vertice ma non è mai facile ripetersi. Rendimento? Si può fare sempre di più, i miei dieci gol li ho sempre fatti quindi sono in perfetta media. Oltre a sostenere Befi, in attacco cerco di giocare sempre per la squadra guidando i più giovani“.

Esultanza Agropoli ph U.S. Agropoli 1921
Esultanza Agropoli ph U.S. Agropoli 1921

ANCORA TU? QUINTA SFIDA CONTRO L’AGROPOLI

Domenica ennesima sfida contro l’Agropoli, dopo i due precedenti in Coppa e il doppio confronto in campionato: “Siamo due squadre molto forti e compatte in campo, loro hanno il vantaggio del doppio risultato ma noi sappiamo di potercela giocare. – sottolinea Zerillo – Dobbiamo essere pazienti, mentalmente dobbiamo restare in partita fino alla fine evitando cali di concentrazione, in una gara del genere dovremo sfruttare ogni occasione che ci concederanno. Mi aspetto una partita molto tattica dove sarà il collettivo a decidere l’esito finale“.

Ph San Tommaso, Liguori
Ph San Tommaso, Liguori

CHIOSA FINALE SULLA CAPOLISTA

Campionato sfuggito per pochi punti, a trionfare una cugina irpina: “Il San Tommaso ha meritato di vincere il campionato, sono stati i più continui. – conclude Zerillo – Avevano una società solida alle spalle e senza eccessive pressioni hanno raccolto il massimo risultato. Hanno sfruttato al meglio le difficoltà delle avversarie, ma allo stesso tempo hanno meritato, squadra forte allestita bene“. FONTE IL RESTO DEL CALCIO

WWW.CANALECINQUETV.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.