AGROPOLI

EDITORIALE,NEL PD E’ GUERRA TRA IMBROGLIONI,BERLUSCONI LO HA DETTO PER 20 ANNI

IO EDITORIALE BLU  DI SERGIO VESSICCHIO-Ora loro  e questi brogli,loro e queste liti,loro e queste illazioni ci hanno proprio rotto. Questi comunisti verniciati sono diventati squallidi e privi di buonsenso.Loro decidono le primarie,loro le organizzano in maniera ancora incomprensibile,loro si autodenunciano. Uffa e basta ora.A margine delle primarie in Campania dove De Luca ha vinto in maniera netta combattendo da solo contro tutto e tutti si grida ai brogli e c’è qualcuno che addirittura parla ‘brogliologia’. Prima hanno fatto ridere l’Italia con il rinvio almeno di tre volte per la data della consultazione interna al partito di Renzi in Campania ora si buttano le torte in faccia parlando di brogli,c’è chi dice che De Luca avrebbe fatto la stessa cosa se avesse perso facendosi una lista propria. Un mercimonio vergognoso che ha stufato l’opinione pubblica visti i problemi rimasti irrisolti e la sanità è allo sfascio per mano di Caldoro al quale il pd dovrebbe trovare un’alternativa. Il Pd che si auto accusa di brogli può essere l’alternativa a Caldoro che ha sfasciato la sanità in Campania e ha fatto danni irreversibili alla nostra regione? Guglielmo Vaccaro  deputato PD salernitano ha detto testualmente: “I brogli   non li ha fatti De Luca in prima persona, ma dei professori di ‘brogliologia’ che appartengono alla sua area”. De Luca ha chiesto l’intervento degli ispettori prima delle elezioni per paura di imbrogli e l’intellettuale comunista esperto di camorra Saviano ha invitato a non andare a votare. I compagni si auto denunciano di essere imbroglioni mentre Caldoro continua a sfasciare la Campania. Una vergogna quanto si sta vedendo in questi giorni. Già ci hanno rotto le scatole loro e queste ridicole primarie,ora le hanno fatte,ha vinto De Luca e lo facciano lavorare. Una guerra interna che ha scoperchiato il vaso di pandora della sinistra italiana. Le auto denunce di imbrogli da parte del partito democratico ci fanno tornare alla memoria le denunce di Silvio Berlusconi che per circa 20 anni ha ripetuto che i post comunisti imbrogliavano alle elezioni e il risultato delle urna non era quello reale quando vincevano i rossi e si va a quel 9 aprile del 2006 quando una vittoria chiara di Berlusconi fu ribaltata nei verbali e Prodi si prese una vittoria che ancora oggi non ha dimostrato.Questo esempio è la cartina di tornasole dell’imbrogli che da sempre la sinistra fa perchè nel paese è minoranza .Che i comunisti siano imbroglioni ci eravamo arrivati da molti anni.Ora sono loro stessi a dirlo alla gente e sbatterselo in faccia.Berlusconi ha avuto ragione,imbrogliavano e imbrogliano rimanendo impunti. E quindi se brogli vi sono stati intervengano le procure ma risparmiateci di assistere a questo teatrino vergognoso. Imbroglioni.

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.