AGROPOLI

ELEZIONI, C’E’ ANCHE BATTIPAGLIA NEI COMUNI SOTTO OSSERVAZIONE DELL’ANTI MAFIA

BATTIPAGLIA COMUNELa Commissione Antimafia intende mettere a punto un lavoro di monitoraggio delle liste per le amministrative del 5 giugno nei comuni sciolti per mafia, in quelli precedentemente sciolti per mafia e mai tornati a votare per esempio per mancanza di liste (è il caso di Platì) e in alcuni comuni che hanno avuto la commissione d’accesso e sono in commissariamento, come Roma, Brescello e Battipaglia. Ad annunciarlo il presidente dell’Antimafia, Rosy Bindi, al termine di una audizione. Si tratta di almeno una decina di comuni. Di fronte alla “carenza di strumenti efficaci di controllo sulla trasparenza delle candidature, anche in relazione ai requisititi previsti dalla Legge Severino” la Commisione parlamentare antimafia lancia al governo alcune proposte per agevolare il lavoro di verifica delle commissioni elettorali. Di fronte al numero elevato di liste e candidati che saranno presentati in circa 1400 Comuni, è stato dato mandato alla Presidente Bindi di avanzare una proposta d’inchiesta che prenda in esame la situazione relativa ai Comuni sciolti per mafia, a quelli che negli ultimi 3 anni hanno avuto una commissione d’accesso e sono in amministrazione straordinaria o in amministrazione ordinaria, nonché quei Comuni che vanno al voto per pregresso scioglimento per mafia. Si tratta di una decina di Enti locali, per ciascuno dei quali sarà fatta una relazione con una valutazione complessiva che vada anche oltre i requisiti previsti dal codice di autoregolamentazione approvato dalla Commissione Antimafia.

 

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.