AGROPOLI

FECE A PEZZI LA MADRE A SALERNO,NUOVA PERIZIA PER IL CANNIBALE DI PRIGNANO

LINO RENZISALERNO. Una nuova perizia psichiatrica su Lino Renzi per stabilire se il 48enne che, nel luglio dello scorso anno, uccise e mangiò la madre nel loro appartamento di Torrione a Salerno, sia in grado di affrontare un processo. È quanto disposto dal gip Elisabetta Boccassini, durante l’incidente probatorio sulla perizia effettuata lo scorso dicembre dallo psichiatra Antonello Crisci e che ha stabilito per Renzi la totale infermità mentale e l’incapacità a partecipare a qualsiasi processo. Proprio in virtù del fatto che da quella perizia sono passati diversi mesi e, quindi, le condizioni dell’uomo potrebbero anche essere migliorate, il giudice ha stabilito che sia eseguita una nuova perizia per verificare che Renzi ad oggi non sia ancora in grado di sostenere un processo. L’esame sarà eseguito il prossimo 19 dicembre nel corso di un nuovo incontro che si terrà presso l’ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa con l’incarico affidato nuovamente al perito Crisci.FONTE STILE TV