AGROPOLI

FONDI REGIONALI INDAGATI TRE SINDACI PD DEL CILENTO,PISANI,GIORDANO E GIUSEPPE CILENTO

pisanigiordanocilento
IL PRIMO E’ IL SINDACO DI POLLICA PISANI SUCCESSORE DI VASSALLO,AL CENTRO GIORDANO SINDACO DI CASALVELINO E A SINISTRA GIUSEPPE CILENTO SINDACO DI SAN MAURO CILENTO

VALLO DELLA LUCANIA -Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e falsità ideologica in atti pubblici. Sono i reati contestati dalla procura della Repubblica di Vallo della Lucania che ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti del sindaco di Casal Velino, Domenico Giordano, del sindaco di Pollica, Stefano Pisani, e dell’ex primo cittadino di San Mauro Cilento, Giuseppe Cilento. I tre amministratori, rispettivamente nelle vesti di presidente e di componenti dell’Unione dei Comuni Velini, avrebbero ottenuto illecitamente dei fondi erogati dalla Regione Campania per l’associazionismo comunale. L’Unione dei Comuni Velini, nata nel 2009 per l’esercizio in forma associata e coordinata di alcune funzioni e servizi, avrebbe ottenuto in maniera illecita 274mila euro di contributi regionali.Secondo l’inchiesta, coordinata dal procuratore capo della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania Giancarlo Grippo, i contributi sarebbero stati erogati dall’anno di istituzione dell’Unione nel 2009 fino al 2012. Completamente estraneo alle indagini l’ex sindaco di Pollica, Angelo Vassallo, ucciso in un agguato il 5 settembre 2010. L’attività investigativa, svolta dai carabinieri della stazione di Pollica diretti dal maresciallo capo Lorenzo Brogna e supportato dai colleghi della Compagnia di Vallo della Lucania guidata dal capitano Alessandro Starace, riguarda l’ottenimento illecito dei fondi regionali che, anziché essere utilizzati in forma associata dall’unione comunale, sarebbero stati utilizzati singolarmente dai tre enti comunali. In particolare, i comuni di Casal Velino, Pollica e San Mauro hanno ottenuto 75mila euro quale contributo di attivazione, per poi ottenere 70mila euro nel 2010, 48mila euro nel 2011 e due contribuiti, rispettivamente di 39 e 42mil euro, nel 2012.

I tre sindaci (Domenico Giordano, Stefano Pisani e l’ex primo cittadino Giuseppe Cilento), ai quali la procura vallese contesta il reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e falsità ideologica in atti pubblici, avrebbero utilizzato i fondi, che la Regione eroga agli enti che si associano per lo svolgimento in sinergia di servizi, per l’adempimento di attività non rientranti nelle finalità dell’Unione dei Comuni Velini.

In capo all’Unione sono raggruppati le seguenti funzioni: asili nido, gestione beni del patrimonio immobiliare, polo catastale, siti e cartografia, anagrafe e statistica, trasporto scolastico. In questo modo, gli enti locali riescono a garantire un servizio più efficiente e ad abbattere i costi. E la Regione, infatti, eroga per lo svolgimento di tali funzioni in forma associata dei contributi che i comuni di Casal Velino, Pollica e San Mauro Cilento hanno ricevuto a scaglioni tra il 2009 ed il 2012.

Tra i progetti più importati portati avanti negli anni dall’Unione dei Comuni Velini rientra quello relativo alla realizzazione di un sistema di videosorveglianza integrato da realizzare nei territori di Casal Velino, Pollica e San Mauro Cilento. Ora, però arriva quest’inchiesta che getta delle ombre sull’operato dei tre amministratori accusati di aver ottenuto illecitamente attraverso l’Unione dei Comuni Velini quasi trecentomila euro di contributi regionali dal 2009 al 2012.