AGROPOLI

GIU’ LE MANI DA CERRUTI PUGLISI E DALL’US AGROPOLI,LA CITTA’ E’ CON LORO

La guerra,per chi non se ne fosse accorto,a Cerruti e Puglisi sta da tempo tenendo banco all’interno dell’us Agropoli. I due maggiori finanziatori dell’Agropoli che hanno salvato il calcio in città allontanando personaggi deleteri,calcisticamente parlando,come Magna e Volpe,dopo aver azzerato i numerosi debiti derivanti dalle annate in serie D,e dopo aver allestito in due anni compagini in grado di primeggiare in eccellenza,stanno subendo dall’interno innumerevoli attacchi. Il fine è uno solo quello di estrometterli dalla società per impossessarsi dell’Agropoli.Azione portata avanti da Gennaro Russo il quale da sempre sfrutta l’Agropoli per suoi interessi imperversando di anno in anno.La guerra a Puglisi sopratutto è il pallino fisso di Russo che dall’estate scorsa tenta in ogni modo di “fare fuori” Puglisi.

La macchina del fango dopo la disfatta del campionato scorso (anche se l’Agropoli ricordiamo il campionato l’ha vinto sul campo) è stata attivata subito lavorando ai fianchi ininterrottamente. In questa carneficina è stato buttato dentro anche il sindaco il quale non ha gestito al meglio la situazione ma che sembra essere tornato sui suoi passi garantendo massimo appoggio a Puglisi e Cerruti. Gennaro Russo e i suoi fidati però non agiscono alla luce del sole ma alle spalle cercando di colpire in ogni modo sopratutto Puglisi che loro chiamano in maniera dispreggiativa “il vallese” servendosi anche dell’aiuto del solito scribacchino accattone da strapazzo alla ricerca di spicci e prebende,personaggetto che va per la 50 euro ma anche meno,schifato da tutti in città.Un verme che ricatta l’Agropoli con il suo modo di fare ,se non lo “rinfreschi” lui è pronto a gettarti addosso montagne e montagne di merda ma questo Cerruti e Puglisi l’hanno capito come tutta la città d’altronde e fanno bene a non dargli manco un euro a questo morto di fame. Proprio Cerruti e Puglisi sopratutto hanno ormai il mirino addosso di questa gente che dall’interno cercano in ogni modo di mettere i bastoni tra le ruote e gli ultimi risultati negativi sono la cartina di tornasole di quanto stanno facendo nonostante le sciagure dell’allenatore.Si perchè il momento negativo dell’Agropoli non può essere addossato solo all’allenatore Esposito e ai calciatori ma anche e sopratutto a quanto sta succedendo all’interno dei ranghi dirigenziali dell’Agropoli.Una guerra portata avanti da Gennaro Russo e i suoi fidati che dell’Agropoli non se ne fregano niente ma che vogliono solo utilizzarla per i loro scopi.

Queste persone non mettono nell’Agropoli un euro bucato e vogliono cacciare i due maggiori finanziatori dell’Agropoli e per questo cercano di estrometterli anche contattando gente fuori Agropoli che possa entrare in società quando invece Puglisi e Cerruti rappresentano il fiore all’occhiello di questa società,due professionisti e imprenditori invidiati e corteggiati da tantissime realtà che farebbero carte false per averli nelle loro società.Ma invece noi dobbiamo avere Gennaro Russo che deve far giocare il figlio) e i figli(anche loro scarsi) degli amici facendo il bello e il cattivo tempo con il settore giovanile e la prima squadra.Ad Agropoli sanno tutti quanto si sta verificando e la gente sta con Cerruti e Puglisi senza i quali l’Agropoli o sarebbe già finito o militerebbe in categorie molto inferiori.Questo dev’essere il futuro dell’Agropoli?Noi non ci stiamo e lo denunciamo ad alta voce,giù le mani da Cerruti e Puglisi,giù le mani dall’us Agropoli.Sergio Vessicchio


WWW.CANALECINQUETV.IT

admin
Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.