AGROPOLI

GRILLINI GIU’ LE MANI DALL’OSPEDALE DI AGROPOLI,ON.SILVIA GIORDANO DIMETTITI

io editoriale (1)DI SERGIO VESSICCHIO.Eravamo ormai assuefatti ai Fratelli D’Italia che per vendetta politica contro Alfieri hanno chiuso l’ospedale di Agropoli durante la vergognosa gestione del centro destra alla Provincia di Salerno,alla Asl di Salerno e alla regione Campania ma pensare di dover cominciare a lottare contro i grillini che si oppongono alla riapertura per contestare politicamente Alfieri e De Luca questo proprio non lo avevamo previsto. I grillini hanno fatto una nota parlamentare che abbiamo pubblicato sul nostro blog http://www.agropolinews.it/agropoli/la-grillina-silvia-giordano-contesta-de-luca-per-lapertura-dellospedale-di-agropoli/ dopo che De Luca ha avviato la procedura di un ingresso nella rete dell’emergenza dell’ospedale di Agropoli primo passo verso la riapertura del nosocomio della Marrota.Il governatore che ha trattenuto ad interim la delega alla sanità ha accellerato probabilmente l’iter dopo i decessi che forse con l’ospedale aperto si potevano salvare.I grillini invece di sostenere l’azione del governatore cercano di ostacolarla sostenendo che la probabile riapertura rientra in un mero scambio politico. Questa cosa è una vergogna per chi l’ha scritta,per chi l’ha proposta e per chi l’ha immaginata.L’ospedale riguarda l’intera collettività,c’è la salute di mezzo,c’è un territorio completamente abbandonato sotto l’aspetto sanitario e invece di sostenere l’azione di un politico di  qualsiasi colore esso sia si contesta per puro spirito di contrapposizione.L a grillina Silvia Giordano deve dimettersi non può più stare seduta nei banchi del parlamento italiano pagata e dico pagata dai cittadini italiani e con lei tutti i grillini che hanno partorito una simile nota. I grillini,gente per la maggior parte dei casi proveniente da Rifondazione comunista,non hanno a cuore le sorti della gente ma mirano a distruggere e ora ce ne stiamo accorgendo sulla nostra pelle. A Silvia Giordano e a tutti coloro grillini e non che ostacolano l’azione di riapertura dell’ospedale diciamo che lotteremo a tutti i livelli per ottenere quello che Caldoro e suoi amici hanno tolto.In qualità di parlamentare la Giordano ha fatto una gaffe macroscopica(cosa comune a moltissimi grillini)per cui deve dimettersi,deve andarsene.I grillini sono il prodotto di votazioni su internet fugaci e senza programmi arrivati in parlamento per fare numero a sostegno del grande evasore omicida Beppe Grillo  senza sapere le esigenze della gente e dei territori e i risultati sono questi. A De Luca rinnoviamo l’appello e l’invito di fare presto perchè l’esigenza dell’ospedale di Agropoli è primaria.Sergio Vessicchio

IERI L’APPELLO A PAESTUMINRETE.NET DI PIERLUIGI CAROCCIA IL BAGNINO RIMASTO IN COMA E SALVATO ALL’OSPEDALE DI AGROPOLI LEGGI:

PIERLUIGI CAROCCIA, SALVATO DALL’OSPEDALE DI AGROPOLI…LETTERA APERTA A DE LUCA…”RIAPRILO”

13-07-2015 07:56 – News Generiche
IN ESCLUSIVA PER PAESTUMINRETE, LETTERA APERTA A DE LUCA, PRESIDENTE DELLA REGIONE CAMPANIA, DA PARTE DI PIERLUIGI CAROCCIA, IL BAGNINO CHE PER SALVARE DUE BAMBINE, RISCHIO´ LA VITA, E SOLO L´INTERVENTO QUALIFICATO E IMMEDIATO DEI MEDICI DELL´OSPEDALE CIVILE DI AGROPOLI, GLI SALVARONO LA VITA…
Quando chi ti ha salvato ti viene vicino, e ti dice: “ti abbiamo salvato, ora salva a noi”. Era un mio grande impegno, quello di scendere in campo per impedire la chiusura del nosocomio agropolese. Quelle persone si “aggrappavano” su di me, perché in quel momento, ad ogni mia apertura di bocca, usciva qualche articolo, faceva rumore. Ci provai in tutti i modi, ma il nemico era troppo grande per abbatterlo. Il giorno della chiusura, era per me un giorno estremamente triste, anche perché mi rendevo conto che, non perdevamo una struttura ospedaliera, ma perdevamo gente valida, che come me, hanno avuto la “fortuna” di trovarli sulla loro strada, cosa che ultimamente non è successo a molte persone. Ricordo l´incidente di qualche anno fà sulla SS18, che morirono 4 persone, una persona morì in autoambulanza, mentre veniva trasportata all´ospedale più vicino (che è troppo distante). Il luogo dell´incidente, era a 3 min di distanza dall´ospedale di Agropoli, ora non voglio dire che se l´ospedale era aperto, quella persona si salvava, però io credo che una possibilità la poteva avere, poteva lottare, ma non ha avuto mai modo. Ultima vittima, una signora che ha subito un malore in quel di Agropoli, e nel tentativo di raggiungere l´ospedale di Battipaglia, non ce l´ha fatta e il suo cuore ha smesso di battere. Due vittime, segnate dallo stesso destino crudele, che la politica ha impedito loro, di poter lottare tra la vita e la morte, (ormai non c´è rimasto nemmeno questo). Paghiamo ogni giorno sempre più tasse, tasse che includono la sanità, ma che questa sanità a noi è stata tolta da due anni…quindi per chi e per cosa le paghiamo?. Colgo l´occasione per fare un annuncio al nuovo presidente della Regione, De Luca, che nel suo piano politico, ha inserito un miglioramento alla sanità e la riapertura dell´ospedale di Agropoli. Sperando che tutto ciò accada è che non si possa più piangere su queste persone che non hanno nemmeno avuto l´opportunità di poter lottare la propria vita“.

Fonte: PIETRO SABIA

admin

Sergio Vessicchio giornalista dal 1985 attivo per stampa televisiva,carta stampata,siti web,opinionista televisivo,presentatore,conduttore.