AGROPOLI

IL CAPO DELLA POLIZIA PANSA: “SALERNO SIMBOLO DELLA RINASCITA DEL SUD”

pansa

«Da uomo del Sud sono contento di essere tornato nella mia terra e nella mia provincia.Salerno rappresenta un simbolo di ripresa e rinascita del Mezzogiorno che noi abbiamo l’obbligo di rendere sempre più sicuro». A dirlo il Capo della Polizia, Alessandro Pansa, in occasione del raduno nazionale dell’Anps.Il Capo della Polizia ha voluto anche ringraziare «tutti i poliziotti, quelli in servizio in questo momento e quelli che anche se non più in servizio continuano a portare avanti i valori e i principi della Polizia di Stato, dedicando il loro impegno sul fronte della legalità e della sicurezza»

xxxxx

Pansa su delinquenza giovanile. «Non possiamo immaginare di affrontare solo con la repressione le attività delinquenziali giovanili. Bisogna coinvolgerli, bisogna creare modelli a cui fare riferimento. Anche con l’Associazione nazionale della polizia di Stato stiamo cercando di dare un contributo ulteriore per creare percorsi di recupero e soprattutto di prevenzione che allontanino i giovani dal crimine». Ha aggiunto il Capo della Polizia, Alessandro Pansa, nel corso della giornata conclusiva del Raduno nazionale dell’Anps.

Pansa su camorra. «Come diceva Falcone ‘la mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine’». Pansa ha commentato così il pentimento di Antonio Iovine dicendosi convinto però che: «Per un poliziotto uno dei rischi più grandi è quello di sentirsi sicuro del risultato prima di averlo raggiunto». «Io sono un ottimista di natura», ha aggiunto ma «Fino a quando non si sarà messa la parola fine, e in modo definitivo, al clan dei Casalesi, ripeterò ai miei uomini come anche l’ultimo metro dovrà essere percorso con la stessa forza e determinazione con cui si affrontano le salite».

Il messaggio di Napolitano. «I sentimenti di profonda gratitudine della Nazione per tutti coloro che nei 162 anni della fondazione del Corpo hanno servito la patria e le sue leggi». Così il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in un messaggio in occasione del sesto raduno Anps. Napolitano ricorda che la polizia in questi anni ha servito «l’amministrazione della pubblica sicurezza con fedeltà e onore» e rivolge «il commosso omaggio ai caduti, fulgide testimonianze di attaccamento al dovere e sprezzo del pericolo fino all’estremo sacrificio». Il Capo dello Stato fa pervenire ai partecipanti al raduno «e a tutti gli uomini e le donne della polizia, il mio bene augurante saluto» e rivolge «un particolare apprezzamento all’associazione benemerita nel custodire la tradizione e i valori dell’istituzione, e nel trasmetterli al personale in servizio, per le meritorie iniziative di solidarietà e di diffusione della legalità e della pacifica convivenza che essa promuove».